Navigation

Borsa svizzera: chiude in lieve calo

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2010 - 18:05
(Keystone-ATS)

ZURIGO - La crescita dei valori finanziari e di Nestlé non è riuscita a mantenere in chiusura la Borsa svizzera al di sopra della linea di demarcazione. Gli operatori hanno riferito di un mercato calmo, che anche i dati macroeconomici americani non sono riusciti a smuovere. D'altro canto l'interesse degli investitori a due giorni dal Natale non è stato molto grande, ha osservato un broker. Il listino principale ha chiuso a 6553,7 punti, in calo dello 0,07%. L'indice allargato SPI ha terminato la seduta a quota 5882,47 (-0,09%).
Sulla piazza elvetica la discesa dell'euro sul franco potrebbe spingere gli analisti a ritoccare verso il basso le previsioni sugli utili aziendali, hanno indicato i broker. Fra i titoli bancari, sostenuti anche dall'andamento settoriale a Wall Street, l'UBS ha guadagnato l'1,29% (a 15,74 franchi), il Credit Suisse dello 0,90% (a 38,20 franchi), mentre la Julius Bär è in flessione dell'1,37% (a 43,40 franchi). Quanto agli assicurativi, Zurich Financial è in leggero rialzo (+0,12% a 245,30 franchi), mentre Swiss Re ha messo a segno una crescita robusta (+1,88% a 51,55 franchi).
In calo i titoli dei giganti farmaceutici: Novartis ha perso lo 0,44% (a 56,10 franchi), Roche lo 0,51% (a 137,50 franchi). La Nestlé - l'altro peso massimo difensivo - ha invece sostenuto invece il listino, avanzando dello 0,09% (a 56,15 franchi).
Rispetto a stamane, ABB ha mutato tendenza e ha chiuso con un incremento dello 0,52% (a 21,22 franchi). Non sono invece riusciti a invertire la rotta Holcim (-1,37% a 71,75 franchi) e Adecco (-0,08% a 63,15 franchi), altri titoli sensibile ai cicli congiunturali. Transocean - titolo molto volatile - è arretrato del 2,52% (a 65,85 franchi).
Sul listino allargato, forti perdite per Swissmetal: -16,83% a 6,92 franchi. La crisi non è ancora passata per il gruppo metallurgico solettese prevede per l'esercizio corrente una perdita operativa compresa fra 10 e 14 milioni di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.