Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera, al di sotto della parità per buona parte della giornata, è passata in territorio negativo a un'ora della chiusura, parallelamente al recupero di Wall Street. Il listino principale SMI ha chiuso a quota 6518,43, in crescita dello 0,10%. L'indice allargato SPI ha terminato a 6020,56 punti (+0,15%).

Negli Stati Uniti le richieste di sussidio di disoccupazione sono salite la scorsa settimana di 2.000 unità a quota 366.000, un dato migliore delle attese. Le costruzioni di nuove case hanno segnato a luglio un calo dell'1,1%. Le previsioni erano per una flessione dello 0,5%. I permessi edilizi hanno visto un'impennata del 6,8%, registrando il livello più alto negli ultimi quattro anni. Successivamente è stato indicato che l'indice Philadelphia Fed che misura l'attività industriale nell'area è salito da -12,9 a -7,1 in agosto, meno dei pronostici.

Sulla piazza elvetica Zurich Insurance, che ha pubblicato oggi i dati sul bilancio semestrale, ha chiuso con un guadagno dell'1,24% (a 229,00 franchi). Il gruppo assicurativo ha realizzato un utile netto di 2,22 miliardi di dollari, in aumento del 13%. Gli introiti sono progrediti del 7% a 37,5 miliardi di dollari. Swiss Re ha segnato un incremento dello 0,49% (a 61,50 franchi).

Quanto ai bancari, il Credit Suisse è salito dell'1,59% (a 17,26 franchi); l'istituto ha annunciato stamane un successo per quanto riguarda due provvedimenti parziali che fanno parte del pacchetto volto a rafforzare i fondi propri di base, reso noto in luglio. L'obiettivo era di 800 milioni, mentre i mezzi propri con le due misure sono cresciuti di 930 milioni. L'UBS è in crescita dello 0,96% (a 10,55 franchi). La Julius Bär, dopo la pausa di ieri, è di poco al di sotto della parità (-0,03% a 32,00 franchi).

Sul listino ha avuto un impatto negativo Nestlé, in flessione dello 0,66% (a 60,20 franchi), sulla scia di realizzi di guadagno, stando agli opertori. Novartis è in progressione dello 0,17% (a 58,75 franchi), Roche è in calo marginale (-0,06% a 176,00 franchi).

Fra i titoli più legati alle oscillazioni congiunturali, ABB ha perso lo 0,06% (a 17,38 franchi), Holcim non ha registrato variazioni (59,30 franchi), mentre Adecco è progredita del 2,07% (a 44,91 franchi) e Geberit dello 0,85% (a 200,70 franchi). La performance migliore è fatta segnare da Transocean (+3,85% a 48,34 franchi).

Sul mercato allargato Meyer Burger, che ha annunciato stamane conti semestrali che per la prima volta sono terminati in rosso, ha chiuso in positivo con un incremento del 6,52% (a 14,70 franchi). I vertici hanno confermato le prospettive per l'intero esercizio. Tecan ha perso l'1,93% (a 66,10 franchi) e Basilea Pharmaceutica è in rialzo dello 0,60% (a 50,45 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS