Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Dopo un'apertura in negativo e un ampliamento delle perdite in coincidenza con l'annuncio del Pil americano relativo al secondo trimestre, la Borsa svizzera ha recuperato terreno nel tardo pomeriggio in seguito alla pubblicazione degli indici Pmi di Chicago e Michigan, migliori del previsto. Passata in positivo a un'ora dalla chiusura ha tuttavia terminato le contrattazioni in negativo con l'indice dei valori guida SMI in calo dello 0,32% a 6200,78 punti e quello complessivo SPI dello 0,31% a 5489,77 punti.
Nel pomeriggio da Oltreoceano è giunta notizia che il tasso di crescita del Pil Usa nel secondo trimestre dell'anno è risultato del 2,4%, inferiore alle attese del mercato, che puntava su +2,6%.
A tale annuncio la Borsa svizzera ha reagito con un ulteriore calo, ma ha successivamente ridotto le perdite con la pubblicazione dell'indice Pmi Chicago e dell'indice di fiducia dei consumatori Michigan relativi al mese di luglio. Il primo è salito a sorpresa a 62,3 quando gli economisti si attendevano un calo a 56 punti. Il secondo si è attestato su 67,8 punti, dato al di sopra delle attese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS