Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata negativa oggi per la Borsa Svizzera che per tutta la seduta si è mossa al di sotto della linea di demarcazione chiudendo con l'indice dei valori guida SMI in calo dello 0,48% a 8'530.09 punti e quello allargato SPI in flessione dello 0,47% a 8'445.27 punti.

La situazione in Medio Oriente e in Ucraina e in particolare la minaccia di un inasprimento delle sanzioni da parte dell'Unione europea nei confronti della Russia preoccupa gli investitori che, in una giornata priva di particolari impulsi, si sono mostrati prudenti.

Nel pomeriggio la National Association of Realtors ha comunicato che i compromessi per gli acquisti di case esistenti negli Stati Uniti sono scesi a giugno dell'1,1% dopo il +6% di maggio. Il dato è peggiore alle attese degli analisti.

Sul listino principale le perdite maggiori sono registrate da Transocean (-1,89% a 37,44 franchi), seguito da CS Group (-1,51% a 25,45 franchi). In crescita invece gli altri due titoli bancari: UBS, che domani pubblicherà i risultati trimestrali, registra una progressione dello 0,12% a 16,62 franchi e Julius Bär un incremento dello 0,40% a 40 franchi.

Per quanto riguarda gli assicurativi, Zurich (-1, 21% a 269,90 franchi) fa peggio di Swiss Re che chiude in calo dello 0,06% a 78,80 franchi.

Tutti in negativo anche i titoli di peso difensivi con Nestlé che cede lo 0,36% a 69 franchi), Roche in flessione dello 0,56% a 265,50 franchi) e Novartis in perdita dello 0,69% a 79,40 franchi. Quest'ultima ha ottenuto il via libera dall'Unione europea per lo Simbrinza, un farmaco per trattare il glaucoma della sua filiale Alcon attiva nell'oftalmologia.

Nel segmento del lusso Richemont e Swatch scendono rispettivamente dello 0,06% (a 88,15 franchi) e dello 0,24% a 492,70 franchi.

Tra i titoli maggiormente sensibili alla congiuntura, solo ABB registra una progressione (+0,51% a 21,68 franchi): Adecco perde l'1,29% a 68,95 franchi, Geberit scende dello 0,74% a 308,70 franchi e Holcim è in calo dello 0,19% a 76,90 franchi.

SGS, che oggi ha annunciato l'acquisizione della società americana Galson Laboratories attiva nell'igiene alimentare, chiude in rosso (-0,25% a 2'005 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS