Navigation

Borsa svizzera: chiude in netto ribasso, SMI -2,18%

È stata una seduta in profondo rosso. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 ottobre 2020 - 17:47
(Keystone-ATS)

Giornata nettamente negativa per la borsa svizzera, che ha vissuto la seduta peggiore da quattro mesi a questa parte. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 10'067,96 punti, in flessione del 2,18% rispetto a ieri.

Il listino globale SPI ha perso il 2,11% a 12'589,29 punti.

A raggelare gli investitori, su tutte le piazze del vecchio continente, sono stati i numeri dei nuovi casi di coronavirus in Europa, che fanno temere nuovi confinamenti, con conseguenze nefaste per la ripresa globale. Non hanno inoltre favorito i corsi una serie di dati congiunturali negativi americani. L'arretramento percentuale dell'SMI si è così rivelato il più marcato dal 24 giugno, quando il mercato aveva lasciato sul terreno il 2,19%.

Per quanto riguarda i singoli titoli l'attenzione era concentrata su Roche (-3,49% a 308,40 franchi), che ha informato sull'andamento degli affari nei primi nove mesi: il comparto farmaceutico ha deluso, mentre quello diagnostico ha potuto approfittare delle forte domanda di test per il Covid-19. In profondo rosso ha chiuso anche il concorrente Novartis (-2,44% a 77,94 franchi), mentre maggiore resistenza è stata offerta dal terzo peso massimo difensivo, Nestlé (-1,46% a 107,00 franchi).

A soffrire pesantemente sono stati gli assicurativi Zurich (-2,83% a 305,50 franchi), Swiss Re (-3,79% a 67,06 franchi) e Swiss Life (-2,76% a 338,80 franchi). Non molto distanti si sono mossi i bancari UBS (-1,51% a 10,41 franchi) e Credit Suisse (-2,41% a 9,30 franchi).

Non si è rivelata comunque una giornata facile nemmeno per i valori maggiormente dipendenti dai cicli economici come ABB (-1,47% a 24,18 franchi), LafargeHolcim (-1,63% a 42,31 franchi), Geberit (-2,21% a 540,40 franchi) e Sika (-1,45% a 231,80 franchi). In difficoltà si è trovato pure il segmento del lusso, con Richemont (-2,48% a 61,30 franchi) praticamente in linea con Swatch (-2,70% a 209,00 franchi).

In contro tendenza, in una seduta che non era da capitani coraggiosi, ha terminato solo Lonza (+1,64% a 569,00 franchi), che ha convinto gli analisti presentando la sua nuova strategia.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.