Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta in crescita oggi per la Borsa svizzera. I guadagni si sono rafforzati nel pomeriggio parallelemente al temporaneo passaggio in positivo di Wall Street. Il listino principale SMI ha chiuso a 6402,38 punti, in aumento dello 0,62%. Verso il finale di seduta ha toccato quota 6417,91, un massimo da oltre un anno. L'indice allargato SPI ha terminato a quota 5918,21 (pure +0,62%).

Le contrattazione si sono svolte in un clima piuttosto calmo, hanno osservato gli operatori. Non sono previste attività intense in Svizzera prima della festività del Primo agosto. In tale data è in agenda il direttivo della Banca centrale europea. Nel primo pomeriggio è arrivato il nulla osta di Berlino agli acquisti di titoli di paesi in difficoltà da parte della Bce. Le borse europee hanno reagito positivamente.

La piazza elvetica è stata spinta dai giganti bancari. L'UBS, che domani presenta le cifre del secondo trimestre, ha messo a segno un balzo del 3,90% (a 10,93 franchi), il Credit Suisse è cresciuto dello 0,48% (a 16,83 franchi). Quest'ultimo ha indicato prima dell'apertura delle borse di avere collocato con successo la seconda tranche di prestiti convertibili per un ammontare di 1,9 miliardi di franchi. Serviranno a rafforzare i mezzi propri. La Julius Bär ha perso invece lo 0,73% (a 35,55 franchi). Fra gli assicurativi, il titolo Swiss Re è salito dello 0,91% (a 61,20 franchi), Zurich Insurance dello 0,65% (a 218,40 franchi).

Quanto ai pesi massimi difensivi, la Novartis ha registrato un incremento dello 0,35% (a 57,05 franchi). Di oggi la notizia dell'omologazione da parte della Commissione europea del farmaco Afinitor del gruppo basilese contro il cancro al seno. Roche ha guadagnato lo 0,47% (a 169,70 franchi), Nestlé lo 0,34% (a 59,85 franchi).

Fra i titoli più legati alle oscillazioni della congiuntura, ABB è avanzata dell'1,12% (a 17,13 franchi), Adecco del 3,22% (a 42,92 franchi), Geberit dello 0,84% (a 193,10 franchi) e Holcim dello 0,61% (a 57,65 franchi).

Il titolo del leader mondiale nei servizi di ispezione e certificazione SGS ha toccato in giornata un nuovo record a 1982 franchi. Il titolo ha chiuso a 1980 franchi, in crescita dell'1,64%.

Nel listino allargato vento in poppa per la banca Vontobel, progredita oggi del 6,13% (a 21,65 franchi). Venerdì aveva già registrato un rialzo di dieci punti percentuali, dopo la pubblicazione di cifre semestrali superiori alle attese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS