Navigation

Borsa svizzera: chiude in rialzo, nuovo record, SMI +0,56%

Nuovo record per lo SMI. KEYSTONE/PATRICK B. KRAEMER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 febbraio 2020 - 17:50
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera chiude la seduta in rialzo, raggiungendo un nuovo primato assoluto: l'indice dei valori guida SMI ha infatti terminato a 11'101,17 punti, su dello 0,56% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,49% a 13'397,54 punti.

Sembra che gli investitori abbiano ignorato i rischi legati all'epidemia del coronavirus, ha sottolineato David Matten, un analista di CMC Markets.

Dopo il massimo di chiusura (e di giornata) di ieri, oggi l'indice del principale listino elvetico è rimasto nettamente in territorio positivo per tutta la seduta, salendo sopra i 1100 punti negli ultimi 90 minuti di contrattazioni. Il record di giornata è stato di 11'114,39 punti.

Novartis (+1,16% a 95,67 franchi) ha ottenuto una procedura d'esame prioritaria negli Stati Uniti per la sua terapia sperimentale capmatinib per una specifica forma di cancro ai polmoni. Se approvato, sarà il primo trattamento per questa patologia.

Credit Suisse (+2,13% a 13,19 franchi) e Lonza (+1,94% a 416,10 franchi) hanno fatto segnare le progressioni più marcate. L'altro bancario, UBS (+0,98% a 12,86 franchi), è risultato più distanziato. Tra i pesi massimi, Roche (+0,19% a 340,40 franchi) si è mantenuta sopra la linea di demarcazione, mentre Nestlé (-0,75% a 108,44 franchi) è risultata il fanalino di coda tra le blue chip.

L'unico altro titolo in rosso è Richemont (-0,24% a 73,82 franchi) mentre, sempre nel lusso, Swatch ha fatto segnare l'equilibrio perfetto (a 252,70 franchi).

Sul mercato allargato pessima prestazione per AMS (-3,10% a 45,38 franchi), malgrado il fatto che il produttore austriaco di chip e sensori abbia superato le previsioni più ottimistiche presentando oggi i risultati del 2019. Determinante è stato il fatto che gli investitori, ancora una volta, hanno mostrato il loro malumore nei confronti del progetto di acquisizione dello specialista tedesco dell'illuminazione Osram.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.