Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude in lieve rialzo una seduta poco effervescente: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8312,42 punti, in progressione dello 0,10% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,13% a 9080,21 punti.

La parola d'ordine è rimasta: prudenza. Le incognite relative all'entrata in carica del nuovo presidente americano Donald Trump e il discorso sulla Brexit tenuto ieri dalla premier britannica Theresa May hanno favorito un atteggiamento attendista da parte degli investitori.

Sul fronte congiunturale negli Usa in dicembre l'inflazione è aumentata per il quinto mese consecutivo, in linea con le attese, mentre la produzione industriale è cresciuta più del previsto. In serata la Federal Reserve diffonderà il Beige Book, il rapporto sullo stato dell'economia americana: dovrebbe indirettamente fornire indicazioni sui tempi del previsto rialzo dei tassi.

Per quanto riguarda i singoli titoli anche dopo i dati positivi pubblicati da Goldman Sachs sotto pressione sono rimasti i bancari UBS (-2,13% a 16,55 franchi), Credit Suisse (-2,49% a 15,28 franchi) e Julius Bär (-1,15% a 47,30 franchi): dopo l'ottimo inizio d'anno la tentazione di realizzare i guadagni è forte. Inoltre sussistono timori riguardo a possibili cause di risarcimento private negli Usa per la manipolazione dei tassi libor. Le vendite del comparto finanziario hanno interessato meno gli assicurativi Zurich (-0,11% a 278,00 franchi), Swiss Life (-0,17% a 292,40 franchi) e Swiss Re (-0,43% a 92,90 franchi).

Con accenti diversi hanno chiuso i valori più sensibili ai cicli economici come Geberit (-0,09% a 424,20 franchi), Adecco (-0,29% a 69,80 franchi), ABB (+0,31% a 22,48 franchi) - il CEO Ulrich Spiesshofer ha parlato del 2017 come di un anno di transizione per il suo gruppo - e LafargeHolcim (-1,82% a 51,90 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (-0,52% a 344,40 franchi) ha terminato appaiata a Richemont (-0,52% a 76,00 franchi).

In ordine sparso si sono mossi i farmaceutici Novartis (+1,19% a 72,20 franchi), Roche (+0,38% a 235,60 franchi) e Actelion (-0,09% a 228,80 franchi). A Davos il numero uno di Novartis Joe Jimenez si è espresso a favore di un nuovo sistema di prezzi per i medicinali.

Ha fornito un importante traino al listino Nestlé (+0,55% a 73,75 franchi). Completano il quadro dei 20 titoli principali Givaudan (-0,44% a 1806,00 franchi), SGS (-0,10% a 2088,00 franchi), Swisscom (-0,62% a 449,60 franchi) e Syngenta (+0,24% a 423,40 franchi).

Nel mercato allargato in mattinata si è messa in luce Panalpina (+1,15% a 122,80 franchi), grazie a una raccomandazione di Kepler Cheuvreux, ma è poi andata parzialmente spegnendosi. Emmi (-0,16% a 633,00 franchi) ha annunciato un'acquisizione in Italia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS