Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha chiuso in lieve rialzo una seduta che non ha sollevato entusiasmi. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8420,58 punti (+0,11% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,06% a 8194,64 punti.

Il mercato ha inizialmente accolto con favore la prospettiva di un mantenimento della politica monetaria ultraespansiva della Federal Reserve, con tassi che secondo gli osservatori potrebbero tornare a salire non prima di metà 2015. Ma alcuni risultati aziendali americani deludenti, deboli dati congiunturali cinesi e il perdurare della crisi ucraina hanno reso gli investitori più prudenti.

Sul fronte interno il listino è stato a lungo pesantemente frenato dal peso massimo Nestlé (-0,29% a 68,20 franchi), risollevatosi poi in parte nel tardo pomeriggio. Sorvegliata speciale è rimasta per tutta la giornata Roche (-0,04% a 255,50 franchi), una volta ancora nel mirino delle critiche riguardo all'efficacia del suo medicinale Tamiflu. Il gruppo renano, insieme ai "cugini" di Novartis (+0,95% a 74,20 franchi), è pure sospettato di intese concorrenziali illecite in Francia. Entrambe le notizie hanno però fatto scarsa impressione agli investitori.

Si sono mossi in ordine sparso i titoli maggiormente dipendenti dalla congiuntura quali ABB (-0,57% a 22,73 franchi), Adecco (+0,42% a 72,45 franchi), Geberit (-0,21% a 283,90 franchi) e Holcim (-0,80% a 80,85 franchi). Guadagni apprezzabili sono invece stati segnati, nel segmento del lusso, da Swatch (+0,55% a 550,00 franchi) e Richemont (+0,99% a 86,70 franchi), su cui potrebbero avere influito i risultati pubblicati dal concorrente LVMH. Una volta ancora Actelion (+1,06% a 86,15 franchi) si è dimostrata fra i valori più richiesti.

Sono andati calando nel finale, rispetto ai massimi di seduta, i bancari UBS (-0,33% a 18,03 franchi), Credit Suisse (invariata a 28,53 franchi) e Julius Bär (+0,17% a 41,17 franchi), mentre nel comparto assicurativo Zurich (-0,63% a 252,00 franchi) è fin da subito apparsa più in difficoltà di Swiss Re (+0,12% a 83,50 franchi). Fanalino di coda è rimasta la sempre volatile Transocean (-1,70% a 35,87 franchi). Completano il quadro complessivo SGS (-0,50% a 2177,00 franchi), Syngenta (+0,87% a 336,60 franchi) e Swisscom (+0,58% a 518,50 franchi).

Nel mercato allargato tonfo di Züblin (-8,67% a 1,79 franchi), società intenzionata a cedere il suo portafoglio immobiliare in Svizzera. Hochdorf (-1,67% a 118,00 franchi) è andata spegnendosi con il passare delle ore, dopo aver guadagnato anche oltre il 3% in scia ai conti annuali. Grande interesse ha suscitato la notizia che due filiali americane di Kudelski (+4,61% a 14,75 franchi) hanno intentato causa contro Apple per violazione di brevetti.

SDA-ATS