Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude con una seduta in lieve rialzo una settimana in cui ha sostanzialmente marciato sul posto, sebbene oggi abbia aggiornato il suo massimo pluriennale inter-day. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8840,17 punti (+0,11% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,18% a 8723,49 punti.

Il mercato era partito bene in mattinata, sulla scia della soddisfazione per il voto in Scozia: con il no all'indipendenza è infatti venuto a mancare un importante fattore di incertezza internazionale. L'SMI ha toccato il livello più alto dell'anno a 8874,48 punti: era dalla fine del 2007 che l'indice non respirava aria così rarefatta. Con il trascorrere delle ore la propensione al rischio è però diminuita e in vista del fine settimana molti investitori hanno preferito portare il fieno all'asciutto in cascina.

Nonostante la giornata povera di spunti sul fronte aziendale i volumi di contrattazioni sono risultati elevati, complice il "giorno delle streghe": quattro volte all'anno - il penultimo venerdì alla fine di ogni trimestre - scadono infatti futures e opzioni su indici e azioni. Questo provoca spesso un aumento degli scambi e un'elevata volatilità, che possono portare a importanti sbalzi.

Hanno anche suscitato interesse i cambiamenti nella composizione dello Swiss Leader Index (SLI), il listino delle 30 più importanti società presenti sul mercato azionario elvetico: Dufry (+0,94% a 149,90 franchi) e SPS (-1,05% a 70,90 franchi) lasceranno da lunedì il posto ad Aryzta (-0,30% a 82,15 franchi) e Galenica (+0,72% a 842,00 franchi).

Per quanto riguarda i singoli titoli, bene orientati sono rimasti per tutta la seduta i bancari UBS (+0,30% a 16,62 franchi) e Credit Suisse (+0,65% a 26,14 franchi), più tonici di Julius Bär (-1,10% a 42,35 franchi). Il comparto assicurativo si è mostrato solido, con Swiss Re (+1,25% a 77,00 franchi) e Zurich (+0,68% a 282,00 franchi).

Acquisti sono stati segnalati anche sui valori maggiormente dipendenti dalla congiuntura come ABB (+0,60% a 21,66 franchi), Adecco (-0,29% a 67,85 franchi), Geberit (+0,35% a 316,00 franchi) e Holcim (+0,28% a 70,50 franchi). Riguardo a quest'ultimo gruppo vanno menzionate indiscrezioni secondo le quali l'irlandese CRH sarebbe intenzionata a presentare un'offerta per tutte le attività dismesse in relazione alla fusione con Lafarge.

Nel segmento del lusso Richemont (-0,96% a 82,20 franchi), da oggi scambiata senza la cedola per il dividendo, è rimasta un passo dietro a Swatch (-0,42% a 473,20 franchi). Poco dinamici sono apparsi i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,07% a 70,40 franchi), Novartis (-0,17% a 88,35 franchi) e Roche (-0,04% a 283,20 franchi).

Completano il quadro delle blue chip Actelion (+1,73% a 111,50 franchi), Givaudan (+0,58% a 1548,00 franchi), SGS (+0,60% a 2025,00 franchi), Syngenta (+0,68% a 313,00 franchi), Swisscom (+0,28% a 541,00 franchi) e Transocean (+0,90% a 32,63 franchi).

Nel mercato allargato ha pubblicato i risultati semestrali BVZ (-0,99% a 300,00 franchi). In negativo si è mossa Sulzer (-4,34% a 130,10 franchi), protagonista ieri di un balzo di oltre l'8% dopo la conferma di trattative di fusione con l'americana Dresser-Rand: oggi notizie di stampa danno anche la tedesca Siemens interessata alla stessa società texana.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS