Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera termina la settimana con una seduta in lieve rialzo: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 8194,73 punti, in progressione dello 0,15% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,19% a 8877,17 punti.

Fin dall'inizio di giornata il mercato ha faticato a trovare un indirizzo preciso. Gli investitori sono apparsi poco propensi ad impegnarsi, nonostante l'elevata liquidità in circolazione, e i volumi di contrattazione sono rimasti limitati. Qua e là si è notata una certa tendenza a realizzare i guadagno.

Continuano a pesano i timori sullo sviluppo della congiuntura mondiale, le incognite circa la Turchia e le preoccupazioni relative ai prossimi stress test delle banche europee. La settimana prossima sono inoltre in programma importanti riunioni della Federal Reserve e della Banca del Giappone.

Sul fronte interno nonostante i numerosi dati aziendali spesso positivi la settimana si è rivelata poco tonica. Per quanto riguarda i singoli titoli gli occhi sono rimasti oggi puntati su Syngenta (+1,57% a 393,90 franchi), che dopo la diffusione dei semestrali è partita male ma ha saputo recuperare.

Sono arretrati rispetto ai massimi di giornata i valori più sensibili alla congiuntura come ABB (+0,29% a 20,58 franchi), Adecco (-0,56% a 53,10 franchi), Geberit (-0,40% a 372,80 franchi) e LafargeHolcim (-0,79% a 43,85 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (-2,03% a 255,70 franchi) - che si era mossa bene ieri dopo i semestrali - è apparsa più sotto pressione di Richemont (-0,69% a 57,45 franchi).

Scarsa unanimità di veduta è stata offerta dai bancari UBS (+0,23% a 13,16 franchi), Credit Suisse (-1,30% a 11,38 franchi) e Julius Bär (-0,89% a 39,93 franchi). Tutti negati hanno invece chiuso gli assicurativi Zurich (-0,21% a 233,20 franchi), Swiss Life (-0,32% a 219,60 franchi) e Swiss Re (-0,66% a 82,60 franchi).

Fra i pesi massimi difensivi hanno cercato di fungere da traino Novartis (+0,49% a 82,35 franchi) e Nestlé (+0,32% a 78,15 franchi), mentre poco dinamismo è stato mostrato da Roche (-0,08% a 249,80 franchi).

Completano lo scacchiere delle blue chip Actelion (+0,88% a 171,50 franchi), Givaudan (+0,20% a 2026,00 franchi), SGS (+0,51% a 2168,00 franchi) e Swisscom (+0,46% a 479,70 franchi).

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Lindt & Sprüngli (+0,54% a 69'810,00 franchi), SFS Group (+1,83% a 72,50 franchi), CPH Chemie + Papier Holding (+6,58% a 35,65 franchi), Cassiopea (-0,30% a 33,60 franchi) e Compagnie Financière Tradition (+1,46% a 66,20 franchi). HNA ha fatto sapere di controllare il 96% di Gategroup (+3,38% a 52,00 franchi).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS