Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Inizio di settimana positivo per la borsa svizzera: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 7999,15 punti (+0,20% rispetto a venerdì), rimanendo per la gran parte della seduta sopra gli 8000 punti, una soglia peraltro considerata dagli operatori più psicologica che tecnica. Il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,21% a 7552,42 punti.

Le ultime novità provenienti dagli Usa - vendite al dettaglio in aumento in giugno e utile trimestrale di Citigroup superiore alle attese - confermano l'orientamento che interessava le piazze europee sin dalla mattinata. Gli investitori hanno accolto con un sospiro di sollievo il dato sulla crescita cinese nel secondo trimestre: l'espansione del prodotto interno è rallentata, ma non così tanto come si temeva. Ma a tenere banco rimane come sempre la politica monetaria: qualche indicazione sugli sviluppi futuri potrebbe provenire mercoledì e giovedì dalle audizioni al Congresso americano del numero uno della Fed Ben Bernanke.

Sul fronte interno scarseggiavano notizie di rilievo. Per quanto riguarda i singoli titoli si sono mossi bene i bancari UBS (+0,48% a 16,76 franchi), Credit Suisse (+0,68% a 26,84 franchi) e Julius Bär (+0,54% a 39,01 franchi), come pure gli assicurativi Swiss Re (+1,11% a 73,10 franchi) e Zurich (+0,75% a 254,00 franchi).

In progressione hanno terminato anche i valori maggiormente dipendenti dalla congiuntura come ABB (+0,61% a 21,39 franchi), Adecco (+1,20% a 58,80 franchi) e Holcim (+0,75% a 67,35 franchi), mentre in contro tendenza si è mostrata Geberit (-0,16% a 248,60 franchi). Ha chiaramente ripiegato rispetto ai massimi di giornata il segmento del lusso, con Swatch (-0,09% a 540,50 franchi) e Richemont (+0,51% a 89,45 franchi).

Hanno cercato di trainare il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,31% a 63,95 franchi) e Novartis (+0,14% a 69,60 franchi), mentre Roche (-0,66% a 242,20 franchi) è costantemente rimasta fra i pochissimi valori negativi: gli investitori temono il concretizzarsi di voci su una possibile acquisizione dell'americana Alexion, una società del Connecticut che vale più di 20 miliardi di dollari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS