Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera ha terminato in rialzo una giornata in saliscendi. Sul finale i mercati sono stati sostenuti dalla notizia che il presidente francese Nicolas Sarkozy e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno raggiunto un accordo sul meccanismo d'aiuto per la Grecia. L'indice SMI dei titoli guida ha terminato la seduta a quota 6894,17, in aumento dello 0,21%. L'indice allargato SPI è progredito dello 0,32% a 6014,10 punti.
Tra i bancari, UBS è in crescita dello 0,55% (a 16,47 franchi), il Credit Suisse dello 0,93% (a 54 franchi), mentre la Julius Bär è in discesa dello 0,48% (a 37,60 franchi). Oggi il Credit Suisse ha comunicato che la retribuzione della propria direzione per il 2009 è pari a 148 milioni di franchi, in media 11,4 milioni per ciascun membro.
Tra gli assicurativi, Zurich Financial ha perso lo 0,15% (a 266,60 franchi). Stamane il gruppo ha comunicato di avere ritoccato verso l'alto l'utile netto del 2009 di 747 milioni di dollari, a 3,98 miliardi, in seguito a una strategia di copertura dinamica di un portafoglio di prodotti nel ramo vita negli Stati Uniti. Swiss Life è in ribasso dello 0,29% (136,70 franchi), mentre Swiss Re è progredita dell'1,03% (a 50,25 franchi).
Fra i pesi massimi, Nestlé ha sostenuto il mercato avanzando dello 0,46% (a 54,10 franchi). Novartis è invece in flessione dello 0,34% (a 58,40 franchi) e Roche dello 0,46% (a 173,10 franchi).
Fra le altre blue chip si sono messe in luce Synthes (+2,98% a 131,40 franchi), Swatch Group (+1,53% a 344,10 franchi) e ABB (+1,22% a 23,19 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS