Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Inizio di settimana positivo per la borsa svizzera, che ha aggiornato una volta ancora il suo massimo pluriennale. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 7483,95 punti (+0,34% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,32% a 6876,58 punti.

L'atmosfera generale rimane assai positiva. "Il mercato punta verso l'alto e ogni breve battuta d'arresto viene sfruttata per ulteriori acquisti", ha spiegato un operatore alla Reuters. Tecnicamente comunque la situazione generale non è esente da rischi: a livello fondamentale i motivi per un aumento dei corsi ci sono tutti, ma quello che crea attualmente timore è il ritmo con cui sta salendo il mercato. Alcuni esperti - a cominciare da quelli della Banca cantonale di Zurigo - non escludono quindi una correzione, che però non dovrebbe risultare di portata eccessiva.

Intanto però oggi l'SMI ha raggiunto nel pomeriggio il massimo pluriennale di 7495,83 punti, a un soffio dalla soglia psicologica dei 7500 punti, un livello mai più toccato dall'inizio di giugno del 2008. Se non vi è arrivato è forse perché frenato almeno in parte dai dati macroeconomici contrastanti che provenivano dagli Usa: gli ordini di beni durevoli in dicembre sono saliti decisamente più del previsto, ma sotto le attese si sono rivelati nello stesso mese i compromessi per l'acquisto di case.

Sul fronte interno l'attenzione era concentrata su Transocean (+4,24% a 54,10 franchi): nel fine settimana il grande azionista Carl Icahn ha auspicato un dividendo di almeno 4 dollari per azione e nel contempo una banca internazionale ha innalzato l'obiettivo di corso per il titolo.

Per quanto riguarda i valori maggiormente esposti alla congiuntura si è messa in luce ABB (+0,81% a 19,80 franchi), mentre è arretrata Adecco (-0,96% a 51,70 franchi). Poco dinamico è apparso oggi il segmento del lusso: Swatch (+0,20% a 505,50 franchi) si è mantenuta sopra la linea mentre Richemont (-0,65% a 76,90 franchi) è scivolata all'indietro nel finale.

Fra i bancari UBS (+1,37% a 16,31 franchi) si è mossa meglio di Credit Suisse (+0,22% a 27,44 franchi), confrontata negli Usa con richieste di risarcimento che potrebbero arrivare a 2 miliardi di dollari nell'ambito del fallimento della NCFE.

Nel comparto assicurativo Zurich (+0,96% a 263,20 franchi) ha sembrato approfittare di una intervista pubblicata sulla stampa domenicale dal suo numero uno Martin Senn, che si è mostrato fiducioso per il futuro. In perdita è invece risultata Swiss Re (-0,79% a 69,45 franchi).

In negativo ha terminato pure Roche (-0,59% a 202,30 franchi), che mercoledì presenterà i suoi conti annuali e che ha beneficiato di un ottimo avvio dell'anno (circa +10% da inizio mese). Hanno contribuito a trainare il listino gli altri due pesi massimi difensivi, Novartis (+0,88 a 62,70 franchi) - la FDA americana ha dato il via libera all'uso del Gleevec per curare i bambini con una determinata forma di leucemia - e Nestlé (+0,39% a 64,35 franchi).

Nel mercato allargato nuovo balzo di Cosmo (+9,64% a 45,50 franchi), che già venerdì aveva guadagnato il 9% in seguito alle novità emerse durante la giornata degli investitori. Schlatter (-5,23% a 145,00 franchi poco prima della chisura) ha pubblicato i dati sul giro d'affari e sugli ordinativi 2012.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS