Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta positiva per la borsa svizzera: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 8329,17 punti, in progressione dello 0,45% rispetto a ieri. Pure lo 0,45% ha guadagnato il listino globale SPI, salito a 9148,54 punti.

Dopo tre giornate negative il mercato ha quindi trovato un rimbalzo e oggi più che di politica - leggi Donald Trump - si è tornati a discutere di economia in senso stretto. Hanno convinto diversi dati aziendali - a cominciare da quelli di Apple, reduce da un buon trimestre natalizio - mentre sul fronte congiunturale il calo delle richieste di mutui negli Usa è stato compensato dalla variazione dell'occupazione migliore delle stime.

In Svizzera gli occhi erano puntati su Roche (+1,93% a 237,50 franchi), che ha pubblicato i conti 2016: gli investitori hanno in particolare apprezzato il nuovo aumento del dividendo. Il gruppo renano ha superato i "cugini" di Novartis (+0,14% a 72,55 franchi) sia a livello di utile che di fatturato. Meno bene dei due titoli citati si è comportato il terzo peso massimo difensivo, Nestlé (-0,21% a 72,15 franchi).

Fra i bancari si è mossa in modo dinamico Julius Bär (+1,25% a 46,82 franchi), che ha presentato risultati superiori alle previsioni. Poco distante ha terminato Credit Suisse (+1,27% a 15,18 franchi), mentre in contro tendenza è apparsa UBS (-0,38% a 15,91 franchi). La giornata è stata positiva per gli assicurativi Zurich (+0,95% a 286,20 franchi), Swiss Re (+1,36% a 93,35 franchi) e Swiss Life (+2,37% a 206,20 franchi).

Ad eccezione di Geberit (-0,17% a 420,90 franchi) bene orientati si sono rivelati i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (+0,21% a 23,48 franchi), Adecco (+0,99% a 71,10 franchi) e soprattutto LafargeHolcim (1,42% a 53,65 franchi), che ha beneficiato di una raccomandazione di HSBC. Nel segmento del lusso Richemont (-1,11% a 75,85 franchi) è sembrata più in difficoltà di Swatch (+0,34% a 350,70 franchi).

Actelion (+0,58% a 258,50 franchi) si è almeno in parte ripresa dallo scivolone di ieri seguito al commento di un analista sull'uso del farmaco Uptravi in Francia. Fra i pochi titoli in rosso figura Givaudan (-2,02% a 1743,00 franchi), che ha sofferto per un giudizio di Deutsche Bank. Completano il quadro dei principali titoli SGS (-0,91% a 2073,00 franchi), Swisscom (-0,46% a 433,00 franchi) e Syngenta (+1,07% a 424,50 franchi).

Nel mercato allargato Lonza (-3,10% a 175,30 franchi) ha piazzato cinque milioni di azioni, raccogliendo 865 milioni di franchi, denaro che servirà a finanziare l'acquisizione dell'americana Capsugel. Rieter (-5,38% a 177,70 franchi) ha annunciato un calo del giro d'affari, mentre è stato accolto con favore il bilancio 2016 di Peach Property (+6,85% a 15,60 franchi). Sulzer (-2,86% a 108,50 franchi) ha subito l'impatto di un cambiamento di raccomandazione di Kepler Cheuvreux.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS