Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera comincia bene il quarto trimestre 2017, salendo ai massimi da oltre due anni: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 9242,15 punti, su dello 0,92% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,89% a 10'540,37 punti.

Il mercato è stato favorito da un effetto squisitamente legato al calendario: con l'inizio del nuovo trimestre di regola nuovi capitali confluiscono sul comparto azionario. L'SMI ha così superato i 9200 punti, soglia mai più raggiunta dall'agosto 2015.

In mancanza di notizie aziendali di primo piano gli investitori hanno guardato alla congiuntura - buoni gli ultimi dati provenienti da Giappone, Eurozona e Usa, in chiaroscuro quelli cinesi - e alla Spagna: non pochi si interrogano sulle conseguenze che potrà avere il referendum in Catalogna. Anche in relazione ai piani di riduzione delle imposte portati avanti dal presidente americano Donald Trump vi è chi teme delusioni.

Per quanto riguarda i singoli titoli hanno terminato non lontano dalla parità i bancari UBS (+0,36% a 16,61 franchi), Credit Suisse (+0,13% a 15,35 franchi) e Julius Bär (+0,09% a 57,35 franchi). Nello stesso comparto finanziario uno spettro solo leggermente più ampio è stato offerto dagli assicurativi Zurich (-0,03% a 295,30 franchi), Swiss Re (+0,17% a 87,85 franchi) e Swiss Life (+0,44% a 342,60 franchi).

Fra i valori più sensibili ai cicli economici si è messa in luce ABB (+1,00% a 24,18 franchi), grazie a un'intervista rilasciata dal CEO Ulrich Spiesshofer a una testata svedese riguardo agli obiettivi di medio termine del gruppo. Con il segno più hanno terminato anche Adecco (+0,93% a 76,10 franchi), Geberit (+0,17% a 458,90 franchi) e Sika (+1,18% a 7290,00 franchi), mentre LafargeHolcim (-1,50% a 55,75 franchi) ha continuato a soffrire per i giudizi degli analisti già diffusi nella scorsa settimana. Nel segmento del lusso Swatch (+0,55% a 405,00 franchi) ha mostrato più dinamismo di Richemont (invariata a 88,50 franchi).

Hanno svolto una decisa funzione di traino i pesi massimi difensivi Nestlé (+1,54% a 82,35 franchi), Novartis (+1,57% a 84,20 franchi) e Roche (+1,29% a 250,40 franchi). Completano il quadro dei 20 titoli principali Givaudan (-0,33% a 2100,00 franchi), Lonza (+1,50% a 257,80 franchi), SGS (-0,56% a 2310,00 franchi) e Swisscom (-0,04% a 496,00 franchi).

Nel mercato allargato Evolva (-10,00% a 0,36 franchi) ha annunciato un riorientamento strategico e un aumento del capitale. Wisekey (+3,18% a 4,22 franchi) ha pubblicato il dato preliminare sul fatturato nel terzo trimestre. Von Roll (+7,91% a 1,50 franchi) si è confermata in grande spolvero come venerdì, mentre Alpiq (-3,78% a 75,05 franchi) ha sofferto per un articolo della SonntagsZeitung che mette in dubbio la sua capacità di credito. Il titolo Leclanché (-4,26% a 2,25 franchi) è stato sospeso fino alle 15.00 perché l'azienda non ha rispettato i termini per la pubblicazione dei semestrali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS