Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Chiusura debole oggi per la borsa svizzera, meno tonica di altre piazze a causa principalmente delle vendite sui grandi titoli farmaceutici. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 7810,17 punti (-0,05% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,06% a 7388,64 punti.

Nel resto d'Europa i corsi sono stati favorevolmente influenzati dal alcune notizie di carattere congiunturale come il miglioramento della fiducia dei consumatori e delle imprese, il rallentamento della recessione in Spagna o la ripresa del mercato immobiliare negli Usa, che ha stimolato Wall Street.

Il quadro generale rimane però attendista: per gli investitori la prudenza è d'obbligo, prima di conoscere, nel corso della settimana, le ultime novità relative alla politica monetaria praticata dalle banche centrali, al mercato del lavoro americano e all'andamento degli affari di diverse multinazionali.

Sul fronte interno in evidenza per tutta la giornata è stata UBS (+2,31% a 18,15 franchi), che ha annunciato l'intenzione di rilevare il fondo di stabilizzazione creato nel 2008 per i suoi titoli tossici dalla Banca nazionale: un segnale forte al mercato che genera speranze riguardo a un dividendo straordinario, ha spiegato un operatore alla Reuters. Meno dinamici si sono presentati gli altri due bancari Credit Suisse (-0,18% a 27,31 franchi) e Julius Bär (-0,02% a 41,60 franchi). Fra gli assicurativi si è mossa bene per tutta la seduta Swiss Re (+0,75% a 73,50 franchi), mentre Zurich (-0,04% a 249,00 franchi) si è spenta nel finale.

In ordine sparso hanno terminato i valori maggiormente legati ai cicli economici come ABB (+0,20% a 20,53 franchi), Adecco (-0,17% a 58,85 franchi), Geberit (+0,89% a 248,70 franchi) e Holcim (-1,49% a 66,30 franchi). Nessuna nuvola ha offuscato il settore del lusso, con Swatch (+0,45% a 552,00 franchi) comunque un passo dietro a Richemont (+1,25% a 89,30 franchi). I realizzi di guadagno hanno per contro afflosciato i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,08% a 62,00 franchi), Novartis (-0,60% a 66,25 franchi) e Roche (-0,77% a 231,50 franchi).

Passando al mercato allargato, hanno convinto i trimestrali di Clariant (+2,83% a 14,51 franchi), Bucher Industries (+4,08% a 232,00 franchi) e Temenos (+2,50% a 24,60 franchi). Acino (-16,05% a 74,25 franchi) ha pure presentato conti che testimoniano di una crescita, ma inferiore a quanto atteso e soprattutto con prospettive ridotte per l'insieme dell'esercizio. In forte progressione, infine, ha terminato New Value (+37,75% a 2,08 franchi), dopo l'annuncio ieri sera di un aumento di capitale e di un cambiamento di strategia, un piano su cui gli azionisti dovranno peraltro ancora votare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS