Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude la settimana con una seduta in ribasso, la prima dopo quattro rialzi consecutivi. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8812,67 punti, giù dello 0,36% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,23% a 9976,11 punti.

In vista del lungo fine settimana - lunedì il mercato rimarrà chiuso sia in Svizzera che in molti altri paesi europei per le festività del primo maggio - gli investitori hanno mostrato ritrosia ad assumersi rischi. E approfittando delle ultime positive sedute (ieri l'SMI è salito ai massimi dell'anno) hanno preferito realizzare i guadagni.

Sul fronte congiunturale dagli Usa sono giunti segnali negativi: l'economia americana è cresciuta nel primo trimestre solo dello 0,7%, un dato inferiore alle aspettative e il più debole degli ultimi tre anni. Allo stesso tempo la spesa per il consumo è aumentata solo dello 0,3%, valore più basso dal 2009. Nell'Eurozona sono invece state pubblicate le statistiche sull'inflazione, tornata a salire in aprile: ha raggiunto +1,9%.

Per quanto riguarda i singoli titoli i riflettori sono rimasti per tutta la giornata puntati su UBS (+2,10% a 17,00 franchi), che ha presentato risultati trimestrali superiori alle previsioni. Fra i bancari si è mosso bene anche Julius Bär (+2,17% a 51,85 franchi), mentre ha arrancato Credit Suisse (-0,79% a 15,13 franchi), nel giorno che ha visto l'assemblea degli azionisti sì approvare, ma solo di misura, la controversa politica dei bonus praticata dall'azienda. Non hanno avuto un andamento univoco gli assicurativi Zurich (+0,88% a 275,40 franchi), Swiss Life (invariata a 323,80 franchi) e Swiss Re (-0,23% a 86,60 franchi).

In ordine sparso hanno chiuso pure i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (+0,04% a 24,36 franchi), Geberit (+0,47% a 453,20 franchi), Adecco (-1,20% a 73,90 franchi) - da oggi senza dividendo - e LafargeHolcim (-0,88% a 56,40 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (-0,40% a 398,30 franchi) si è difesa solo un po' meglio di Richemont (-1,25% a 83,15 franchi).

Hanno frenato il listino Nestlé (-1,03% a 76,65 franchi) e Novartis (-0,46% a 76,55 franchi), mentre ha marciato sul posto il terzo peso massimo difensivo, Roche (invariata a 260,30 franchi). Actelion (-2,96% a 265,60 franchi) dalla settimana prossima non farà più parte dell'SMI. Completano il quadro delle blue chip Givaudan (-1,24% a 1917,00 franchi), SGS (-0,49% a 2239,00 franchi), Swisscom (-0,48% a 434,00 franchi) e Syngenta (-0,13% a 462,40 franchi).

Nel mercato allargato ha informato sull'andamento degli affari Compagnie Financière Tradition (invariata a 104,80 franchi). EFG (-2,17% a 6,31 franchi) ha fatto sapere che proseguono i deflussi in relazione all'acquisizione di BSI.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS