Navigation

Borsa svizzera: chiude in ribasso, SMI -0,65%

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2011 - 17:50
(Keystone-ATS)

Giornata negativa per la borsa svizzera: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 6157,67 punti (-0,65% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,82% a 5651,51 punti.

Su tutte le piazze europee oggi dominava il nervosismo provocato dalla crisi del debito greco e dai timori che essa possa estendersi ad altri stati periferici. Il premio di rendimento per i buoni del tesoro italiani rispetto ai bund tedeschi è così schizzato ai massimi da gennaio, ma la tensione è stata elevata anche per Spagna, Portogallo e Irlanda.

A soffrire inizialmente maggiormente per le nuvole sempre più fosche che si addensano nel cielo ellenico e che minacciano anche altri paesei sono stati i bancari Credit Suisse (-0,64% a 33,95 franchi) - che secondo indiscrezioni di stampa si appresterebbe a cancellare centinaia di posti di lavoro nell'investment banking - e UBS (+0,07% a 15,21 franchi), poi ripresasi e unica blue chip a terminare positiva. In perdita sono risultati gli assicurativi Swiss Re (-2,05% a 47,89 franchi) e Zurich (-1,01% a 216,70 franchi).

Fra i titoli maggiormente esposti alla congiuntura vanno segnalati Adecco (-0,37% a 53,60 franchi), Holcim (-0,63% a 63,10 franchi) e soprattutto ABB (-2,67% a 21,12 franchi).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?