Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera chiude con una seduta in ribasso una settimana comunque positiva. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 7863,36 punti, in flessione dello 0,67% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,59% a 8188,54 punti.

Come sulle altre piazze europee la giornata è trascorsa nella tranquillità. Dopo le turbolenze delle ultime settimane il mercato sembra aver ritrovato una certa stabilità, ma nessuno è in grado di dire se finalmente si è toccato il fondo o se è solo la quiete prima di una nuova tempesta.

Sui corsi ha inciso il leggero calo del prezzo del petrolio e anche una certa propensione a realizzare i guadagni. Con un quasi +3% il mercato ha vissuto in giornata la migliore performance settimanale dall'inizio dell'anno, ha osservato un operatore. È quindi normale che gli investitori abbiano cercato di portare fieno in cascina. Dall'inizio dell'anno l'arretramento rimane però pur sempre del 10%.

Sul fronte congiunturale va segnalato che negli Usa i prezzi al consumo in gennaio sono aumentati più di quanto atteso: la crescita dell'1,4% su base annua è la più forte da ottobre 2014. Diventa così più probabile un ulteriore aumento dei tassi ancora quest'anno da parte della Federal Reserve.

Per quanto riguarda i singoli titoli vi è stata delusione per il mancato rimbalzo di Nestlé (-0,70% a 70,85 franchi), scesa ieri di quasi il 4% dopo la pubblicazione dei conti 2015. Sono scivolati all'indietro anche gli altri due pesi massimi difensivi, Novartis (-0,48% a 73,20 franchi) - che ha annunciato lo statuto di "svolta terapeutica" negli Usa per un suo antitumorale - e Roche (-0,23% a 255,70 franchi).

Hanno perso terreno con il trascorrere delle ore pure i bancari UBS (-0,60% a 14,79 franchi), Credit Suisse (-2,02% a 13,10 franchi) e Julius Bär (-0,49% a 40,39 franchi). Nel comparto assicurativo Zurich (-0,93% a 212,80 franchi) si è mossa in linea con Swiss Re (-1,35% a 91,65 franchi), nel giorno della presentazione dei bilanci della concorrente tedesca Allianz.

Fra i titoli maggiormente dipendenti dai cicli economici una volta ancora sotto pressione è risultata inizialmente LafargeHolcim (-1,35% a 37,99 franchi), che è poi rientrata nel gruppo. Con il segno meno hanno chiuso ABB (-0,56% a 17,73 franchi), Adecco (-1,44% a 58,35 franchi) e Geberit (-0,39% a 359,50 franchi), come pure - nel segmento del lusso - Swatch (-0,90% a 341,60 franchi) e Richemont (-1,81% a 65,00 franchi). Transocean (-3,61% a 8,27 franchi) ha sofferto per la flessione del prezzo del greggio.

Completano lo scacchiere dei titoli principali Actelion (-0,87% a 137,40 franchi), Givaudan (+0,32% a 1870,00 franchi), SGS (-0,50% a 1978,00 franchi), Swisscom (-2,25% a 482,70 franchi) e Syngenta (-0,22% a 402,20 franchi).

Nel mercato allargato gli occhi erano puntati su EFG International (+1,52% a 6,68 franchi), che ha confermato negoziati esclusivi con BTG Pactual per l'acquisizione di BSI. Hanno informato sull'andamento degli affari Micronas (+0,13% a 7,49 franchi) e BB Biotech (+0,09% a 234,60 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS