Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude in ribasso una seduta trascorsa quasi interamente in territorio negativo. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8778,76 punti, in flessione dell'1,05% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso 0,94% a 8948,58 punti.

L'ottimismo che aveva contraddistinto le ultime tre sedute ha lasciato il posto alla cautela. Gli investitori procedono con i piedi di piombo: troppe sono ancora le incognite relative alla crescita mondiale e alla stretta monetaria attesa negli Usa.

Il mercato è partito male sulla scia delle chiusure negative in Asia, anche a causa di cattivi dati congiunturali riguardanti il Giappone. Vi è poi stato un recupero e una fugace sortita in territorio positivo, ma nel pomeriggio è tornato il pessimismo.

Negli Usa sono calate le richieste di sussidio disoccupazione, in linea con le attese. Wall Street ha aperto debole ma è andata poi rinfrancandosi.

Sul fronte interno acquisti hanno interessato Actelion (+1,85% a 137,30 franchi), al centro di nuove voci che la vorrebbero nel mirino dell'americana Gilead o dell'irlandese Shire. Il nuovo affiorare delle paure relative alla congiuntura cinese ha per contro messo sotto pressione il segmento del lusso, con Swatch (-2,14% a 371,10 franchi) e Richemont (-2,07% a 70,95 franchi).

Hanno chiaramente ripiegato rispetto ai massimi di seduta altri valori particolarmente sensibili ai cicli economici come ABB (-2,00% a 18,16 franchi), Adecco (-0,79% a 75,60 franchi), Geberit (-0,65% a 306,90 franchi) e LafargeHolcim (-1,28% a 57,70 franchi). Transocean (-3,09% a 13,78 franchi) è apparsa ben lontana dall'ottima performance di ieri.

Quasi perfettamente in linea hanno chiuso i bancari UBS (-1,28% a 20,05 franchi), Credit Suisse (-1,57% a 25,78 franchi) e Julius Bär (-1,87% a 45,25 franchi), mentre uno scarto maggiore ha contraddistinto gli assicurativi Swiss Re (-0,30% a 84,10 franchi) e Zurich (-1,24% a 263,70 franchi). Non sono riusciti a frenare il movimento generale i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,55% a 72,05 franchi), Novartis (-1,00% a 93,85 franchi) e Roche (-1,14% a 259,10 franchi).

Sorvegliata più del solito è risultata Swisscom (-2,11% a 510,00 franchi): la società telecom è al centro di un esame della Commissione della concorrenza per la sua alleanza pubblicitaria con la SRG SSR e Ringier. Completano lo scacchiere delle blue chip Givaudan (-1,56% a 1645 franchi), SGS (-0,68% a 1742,00 franchi) e Syngenta (-1,21% a 334,70 franchi).

Nel mercato allargato Sunrise (-3,91% a 55,35 franchi) ha sofferto per un cambiamento di obiettivo di corso da parte di Deutsche Bank. Forbo (+2,21% a 1063,00 franchi) ha avviato un programma di riacquisto di titoli. Orascom (+4,35% a 12,00 franchi) ha trovato un partner per un progetto alberghiero in Egitto.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS