Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude la settimana con una seduta nettamente in ribasso: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 7960,85 punti, in flessione dell'1,71% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso l'1,48% a 8566,82 punti.

A pesare sull'umore degli investitori sono stati i timori per gli sviluppi della congiuntura mondiale, alimentati oggi da deludenti dati macroeconomici americani: la crescita dei consumi è rallentata e la fiducia dei consumatori è apparsa in calo. Wall Street si è quindi orientata al rosso, dopo aver già perso terreno ieri dopo le ultime decisioni di politica monetaria della Federal Reserve e della Banca centrale giapponese.

"Ci apprestiamo ad entrare in maggio, che tradizionalmente è considerato il peggior mese per le borse", ha commentato un operatore, senza mancare di citare uno dei più famosi proverbi del ramo, "sell in may and go away" (vendi a maggio e vai via). Il mercato elvetico è così scivolato sotto la soglia di 8000 punti SMI, importante sia dal profilo tecnico che da quello psicologico.

Per quanto riguarda i singoli titoli gli occhi erano puntati su Credit Suisse (-4,08% a 14,57 franchi), che teneva l'assemblea generale, e su Swiss Re (-3,73% a 85,10 franchi), che ha presentato i trimestrali. Il CEO della seconda banca elvetica Tidjane Thiam ha messo in guardia sull'impatto finanziario che avranno i costi di ristrutturazione sull'esercizio 2016. La compagnia di riassicurazione ha da parte sua diffuso cifre bene accolte dagli analisti: il titolo però dopo un avvio favorevole ha virato in negativo. Nello stesso comparto finanziario le vendite hanno peraltro interessato pure UBS (-1,19% a 16,60 franchi), Julius Bär (-2,19% a 41,01 franchi), Zurich (-1,11% a 214,70 franchi) e Swiss Life (-0,74% a 242,10 franchi).

Male orientati si sono rivelati anche i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (-0,98% a 20,28 franchi), LafargeHolcim (-0,12% a 48,57 franchi), Adecco (-4,19% a 61,75 franchi) - scambiata senza dividendo - e Geberit (-0,89% a 368,30 franchi). Nel segmento del lusso Richemont (-1,77% a 63,80 franchi) si è rivelata ancora meno tonica di Swatch (-0,70% a 327,60 franchi). Non sono sfuggiti alla tendenza generale i pesi massimi difensivi Nestlé (-1,38% a 71.50 franchi), Novartis (-2,14% a 73,20 franchi) e Roche (-1,94% a 242,50 franchi).

Il quadro delle blue chip va completato con Actelion (-0,51% a 155,00 franchi), Givaudan (-0,89% a 1890,00 franchi), SGS (-1,40% a 2111,00 franchi), Swisscom (-0,80% a 486,50 franchi) e Syngenta (-1,36% a 384,00 franchi).

Nel mercato allargato EFG International (-1,80% a 5,99 franchi) ha lanciato un avvertimento sugli utili nel primo trimestre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS