Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso oggi in netto ribasso, scendendo ai minimi da un anno. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 7966,34 punti, giù del 3,13% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso il 2,96% a 8228,94 punti.

Archiviata la seduta positiva di ieri il mercato è tornato confermare la tendenza negativa che lo contraddistingue dall'inizio dell'anno. Oggi l'SMI ha segnato un minimo di 7935,47 punti: è la prima volta che l'indice scende sotto gli 8000 punti da gennaio 2015, il mese in cui la Banca nazionale svizzera abolì la soglia minima di cambio con l'euro. Rispetto a inizio 2016 l'arretramento è già di circa il 9%.

La nuova flessione del prezzo del petrolio - che ieri si era stabilizzato ma che oggi è tornato scendere sotto 27 dollari - sta spaventando gli investitori, rinfocolando i timori sulla crescita mondiale. Stando agli operatori, l'atmosfera è estremamente nervosa: l'indice di volatilità è salito ai massimi dal settembre 2015.

La ripresa di ieri si è rivelata effimera. "La gente aspetta il momento buono per vendere: il motto non è più compra quando i corsi scendono, bensì vendi quando salgono", ha detto uno specialista alla Reuters. Gli ultimi dati congiunturali americani relativi a prezzi al consumo, reddito e costruzione nuove case hanno invece avuto scarso impatto.

Sul fronte interno i riflettori erano puntati su Zurich (-10,82% a 220,00 franchi), che ha creato il panico con un inatteso avvertimento sugli utili. "L'azienda ha seri problemi, la nave sta sbandando e necessita di un capitano dal polso forte", ha commentato un operatore. Sotto pressione è stato anche un altro valore assicurativo, Swiss Re (-4,41% a 90,05 franchi), come pure i bancari UBS (-3,99% a 16,36 franchi), Credit Suisse (-4,99% a 17,69 franchi) e Julius Bär (-4,53% a 40,92 franchi).

Male orientati si sono rivelati i titoli maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (-2,55% a 16,04 franchi), Geberit (-2,85% a 327,60 franchi), Adecco (-3,46% a 58,55 franchi) - che non ha commentato voci relative a un interessamento al concorrente britannico Hays - e LafargeHolcim (-4,50% a 40,74 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (-3,22% a 315,40 franchi) non si è discostata molto da Richemont (-2,59% a 62,10 franchi). Transocean (-7,45% a 8,76 franchi) ha sofferto in modo particolare il calo del greggio.

Alla tendenza generale non si sono sottratti nemmeno i pesi massimi difensivi Nestlé (-2,32% a 69,60 franchi), Novartis (-2,57% a 79,70 franchi) e Roche (-2,50% a 253,30 franchi). Ha limitato le perdite invece SGS (-0,11% a 1847,00 franchi), prima blue chip ad avere presentato i conti 2015, risultati in linea con le attese: secondo un operatore molti scommettevano però su una sorpresa negativa e l'azione ha beneficiato quindi di acquisti.

Completano il quadro dei titoli SMI Actelion (-2,51% a 128,40 franchi), Givaudan (-3,26% a 1751,00 franchi), Swisscom (-3,84% a 463,70 franchi) e Syngenta (-2,69% a 358,00 franchi).

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Barry Callebaut (-1,30% a 1060,00 franchi) e Looser (-3,33% a 39,25 franchi). In forte calo ha chiuso EFG International (-7,77% a 8,78 franchi) dopo una notizia di stampa che la indica interessata a rilevare l'istituto ticinese BSI.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS