Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha chiuso in lieve ribasso una seduta poco movimentata. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 6399,27 punti (-0,05% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI è sceso a quota 5915,33 (pure -0,05%).

La giornata è stata contraddistinta da una certa letargia, non solo in vista del primo d'agosto festivo in Svizzera. In generale gli investitori si sono infatti mostrati prudenti, in attesa delle prossime mosse della Banca centrale europea, domani, e della Fed americana, giovedì.

Si spera in particolare che l'istituto di Francoforte annunci misure efficaci per far fronte alla crisi dell'euro. In quest'ottica i dati odierni sulla disoccupazione record in Europa non sono stati visti male: "più le statistiche sono negative, più il mercato specula su nuovi interventi di sostegno", ha spiegato un operatore.

Dagli Usa è giunta una serie di dati macroeconomici che non ha avuto praticamente influsso sui corsi. Wall Street ha aperto debole ed è andata leggermente calando per poi riprendere.

Sul mercato elvetico hanno pesato i risultati trimestrali di UBS (-5,86% a 10,29 franchi), inferiori alle aspettative degli analisti. "La banca di investimento sta diventando sempre di più una palla al piede", ha sintetizzato un addetto ai lavori. Viste anche le cattive nuove provenienti da Deutsche Bank è arretrato l'intero comparto bancario europeo, con perdite anche per Credit Suisse (-1,01% a 16,66 franchi) e Julius Bär (-1,55% a 35,00 franchi). In ordine sparso gli assicurativi Swiss Re (+0,25% a 61,35 franchi) e Zurich (-0,32% a 217,70 franchi).

Hanno chiuso contrastati i titoli maggiormente sensibili ai cicli congiunturali come ABB (-0,29% a 17,08 franchi) e Holcim (+0,09% a 57,70 franchi). Arretra il segmento del lusso, con Swatch in ribasso del 2,09% (a 388,70 franchi) e Richemont del -2,72% (a 55,45 franchi). Hanno cercato di trainare il listino i valori massimi difensivi Nestlé (+0,33% a 60,05 franchi), Novartis (+0,44% a 57,30 franchi) e soprattutto Roche (+2,12% a 173,30 franchi), che è stata favorita dal cambiamento di raccomandazione da parte di Helvea.

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Panalpina (+5,39% a 93,90 franchi), APG/SGA (+2,94% a 175,00 franchi)) e Peach Property Group (+6,80% a 11,00 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS