Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo aver passato buona parte della giornata in rosso, la Borsa svizzera ha chiuso in maniera contrastata. L'indice dei titoli guida SMI si è avvicinato alla parità, perdendo lo 0,02% a 8'710,38 punti, quello allargato SPI ha invece guadagnato lo 0,02% a 8'580,09.

Nel pomeriggio i listini hanno girato per un attimo in territorio positivo, seguendo l'apertura positiva di Wall Street e i dati provenienti dagli Stati Uniti, con la fiducia dei consumatori che è salita a maggio a 83 punti da 81,7 di aprile (dato rivisto). Il dato è in linea con le attese degli analisti.

Il mercato elvetico è stato rallentato dall'andamento dei pesi massimi difensivi Nestlé (chiusura -0,43% a 69,55 franchi) - peggior titolo della giornata - e Roche (-0,41% a 266,30). Meglio ha fatto Novartis, in crescita dello 0,19% a 81,00.

Fra i titoli più tonici Actelion (+1,20% a 88,50 franchi) - di gran lunga il più dinamico della giornata -, Holcim e Swiss Re, entrambi in crescita dello 0,63% rispettivamente a 79,70 e 79,95 franchi.

L'altro assicurativo Zurich Insurance ha registrato un incremento dello 0,23% a 266,60 franchi. Bene tutti i bancari, con UBS in salita dello 0,39% a 18,11, Julius Bär dello 0,17% a 40,93 e Credit Suisse dello 0,04% a 26,98.

SDA-ATS