Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera chiude la giornata in territorio positivo, nonostante un rapido calo nel finale. L'indice guida SMI ha guadagnato lo 0,12% a 8'384,85 punti, quello allargato SPI lo 0,18% a 8'250,00.

Le contrattazioni sono risultate prudenti per tutta la giornata, in particolare a causa dell'incertezza della situazione in Ucraina e i timori di una battaglia economica fra Stati Uniti e Russia, sostengono gli analisti.

Positivi alcuni dati congiunturali provenienti dall'Europa. In Italia, ad esempio, la fiducia dei consumatori ad aprile ha toccato il livello massimo da gennaio 2010. Secondo l'Istituto nazionale di statistica (Istat), si è registrato un balzo dell'indice a 105,4 da 101,9 del mese precedente.

I listini sono stati poi sospinti dall'apertura positiva di Wall Street e dai dati sui compromessi per l'acquisto di case negli Stati Uniti, saliti in marzo del 3,4%, l'aumento maggiore dal maggio 2011 e superiore alle attese degli analisti.

Fra i titoli elvetici Holcim, che ha annunciato un utile netto di 179 milioni per il primo trimestre 2014, contro i 295 milioni di gennaio-marzo 2013, ha guadagnato lo 0,25% a 79,00 franchi. Intanto la procura federale ha annunciato di essersi attivata per far luce su sospetti di operazioni insider in relazione alla fusione con il gruppo francese Lafarge, annunciata a inizio mese.

ABB, che ha annunciato la cessione per 117 milioni di dollari di una parte di Power-One - società americana rilevata l'anno scorso attiva nel settore solare - alla statunitense Bel Fuse Inc, è cresciuta dello 0,44% a 23,04 franchi.

Contrastati gli altri titoli fortemente legati alla congiuntura, con Adecco che fa segnare un +0,84% a 72,20 franchi, e Geberit un -0,07% a 281,90. Stesso discorso per i difensivi di peso, con Novartis e Nestlé che guadagnano rispettivamente lo 0,40% a 74,85 franchi e lo 0,30% a 67,05, e Roche che invece perde lo 0,51% a 253,50 franchi.

Positivi i bancari: UBS segna un attivo dello 0,50% a 17,96 franchi, Credit Suisse dello 0,33% a 27,46 e Julius Bär dello 0,64% a 40,60. Bene anche gli assicurativi, con Swiss Re in crescita dello 0,46% a 75,65 franchi e Zurich Insurance dello 0,32% a 252,10. Maglia nera della giornata è risultata Swatch, in calo dello 0,71% a 561,50 franchi.

SDA-ATS