Navigation

Borsa svizzera: chiusura in deciso rialzo, SMI +1,65%

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2011 - 17:51
(Keystone-ATS)

La Borsa svizzera ha chiuso la seduta in chiaro rialzo. La piazza è riuscita a conservare i guadagni conseguiti prima dell'approvazione da parte del Parlamento greco del drastico piano di austerità. La decisione peraltro era attesa. L'indice SMI dei titoli guida ha terminato a quota 6101,55, in aumento dell'1,65%, l'indice complessivo SPI a 5605,22 punti (+1,60%).

Tutte le blue chip sono al di sopra della parità. Fra i bancari, UBS è salita dell'1,56% (a 15 franchi), Credit Suisse dell'1,38% (a 32,32 franchi) e Julius Bär dell'1,35% (a 33,88 franchi). Anche gli assicurativi sono cresciuti considerevolmente: +1,12% per Zurich Financial (a 207,70 franchi), +2,17% per Swiss Re (a 46,09 franchi). Zurich ha reso noto che il direttore delle finanze Dieter Wemmer lascia l'azienda.

Guadagni consistenti sono stati poi messi a segno dai titoli più sensibili ai cicli congiunturali, in particolare ABB (+3,33% a 21,40 franchi) e Holcim (+3,81% a 62,70 franchi). Adecco è salita dell'1,83% (a 52,95 franchi).

A Zurigo gli occhi erano puntati anche su Actelion. Il titolo ha guadagnato il 3,36% (a 40,28 franchi) malgrado la società basilese oggi abbia annunciato la costituzione di un accantonamento di 577 milioni di dollari per un contenzioso giuridico negli USA che la vede opposta al gruppo giapponese Asahi Kasei. La società biotech - nonostante il pericolo di una chiusura in rosso dei conti - prevede di versare dividendi anche per l'esercizio 2011, ha detto all'agenzia Reuters il direttore delle finanze Andrew Oakley.

Quanto ai pesi massimi difensivi, ha frenato il mercato la Nestlé con un modesto +0,49% (a 51,75 franchi). Consistenti rialzi invece per Novartis (+1,71% a 50,55 franchi) e Roche (+1,74% a 140,00 franchi).

Nell'indice allargato Meyer Burger ha registrato un incremento del 3,86% (a 36,35 franchi). Oggi l'azienda ha comunicato di avere ricevuto dalla Cina una commessa da 160 milioni di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?