Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata negativa per la Borsa svizzera che per tutta la seduta odierna si è mantenuta costantemente al di sotto della linea di demarcazione ampliando le perdite nelle ultime battute. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso in calo dello 0,68% a 6378,29 punti e quello allargato SPI dello 0,67% a 5892,47 punti.

Nel pomeriggio sono giunti alcuni dati americani: le richieste di sussidio di disoccupazione sono rimaste invariate a quota 374.000, mentre ci si attendeva un calo a 370.000. Inoltre è stata resa nota la spesa per consumi a luglio, aumentata dello 0,4% dopo il dato stazionario del mese precedente. La progressione è inferiore alle attese degli economisti, che erano per un +0,5%. I redditi personali sono in aumento dello 0,3% come nelle previsioni.

Sul listino principale solo due blue chip hanno terminato la seduta in positivo: Actelion ha guadagnato l'1,35% a 44,90 franchi e Geberit lo 0,20% a 201 franchi. Ad eccezione di Geberit tutti i titoli ciclici hanno registrato flessioni di un certo peso: ABB è scesa dello 0,84% (a 16,52 franchi), Holcim dell'1,02% (a 58,10 franchi) e Adecco dell'1,21% (a 42,48 franchi). Tra i pesi massimi difensivi Roche cede lo 0,63% a 172,50 franchi, Nestlé si contrae dello 0,50% a 59,65 franchi e Novartis arretra dello 0,18% a 56,45 franchi.

A segnare le maggiori perdite è tuttavia Syngenta (-2,26% a 324,90 franchi) che è confrontata negli USA con una denuncia per violazione di brevetti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS