Navigation

Borsa svizzera: chiusura in rialzo, SMI +0,40%

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2019 - 17:59
(Keystone-ATS)

Dopo un avvio in negativo e una mattinata altalenante, la Borsa svizzera è rimasta nel pomeriggio sempre al di sopra della linea di demarcazione e ha chiuso in positivo sulla scia dell'apertura in crescita di Wall Street.

L'indice dei valori guida SMI ha guadagnato lo 0,40% a 10'078,32 punti e quello allargato SPI lo 0,37% a 12'233,13 punti.

L'atmosfera è stata caratterizzata dalla prudenza a causa delle tensioni commerciali tra Usa e Cina: Washington sembra mettere in atto misure per limitare i flussi di capitali statunitensi a destinazione della Cina e il ministro degli affari esteri cinese Wang Yi ha menzionato nuovi strumenti di ritorsione.

I dati congiunturali provenienti dalla zona euro non hanno fornito un'indicazione chiara. Nel complesso le cifre riflettono un rallentamento della crescita economica combinato con un calo dell'inflazione.

Sul listino principale, pochi i titoli in rosso: a conclusione del congresso oncologico ESMO a Barcellona, l'attenzione era incentrata sui due farmaceutici Roche e Novartis che guadagnano rispettivamente lo 0,64% (a 290,45 franchi) e lo 0,19% (a 86,54 franchi). In crescita anche l'altro peso massimo difensivo Nestlé (+0,54% a 108,28 franchi).

I due bancari UBS e Credit Suisse si sono mantenuti in positivo terminando in progressione rispettivamente dello 0,62% (a 11,33 franchi) e dello 0,95% (a 12,24 franchi). Un portavoce di UBS ha confermato all'agenzia finanziaria AWP che domani l'ex manager di Credit Suisse, Iqbal Khan, inizierà a lavorare come previsto per il numero uno bancario elvetico. Precedentemente si era speculato se il caso relativo alla sua controversia con il Ceo di Credit Suisse, Tidjane Thiam, potesse impedire l'assunzione di Khan presso UBS.

Per quanto riguarda gli assicurativi, unico a segnare una flessione è Zurich (-0,16% a 382,00 franchi). Swiss Re avanza dello 0,10% a 104,10 franchi e Swiss Life dello 0,99% a 477,10 franchi.

Ad eccezione di LafargeHolcim che cede lo 0,34% a 49,12 franchi, risultano tutti in crescita i titoli più sensibili alla congiuntura: ABB avanza dello 0,93% (a 19,61 franchi), Adecco dell'1,69% (a 55,22 franchi), Geberit dello 0,36% (a 476,60 franchi) e Sika dell'1,04% a 146,00 franchi.

Bene anche il settore del lusso con Swatch (+0,49% a 264,90 franchi) che fa meglio di Richemont (+0,25% a 73,22 franchi)

Sul mercato allargato Sunrise, che ha annunciato di rivedere al ribasso l'importo dell'aumento di capitale previsto per l'acquisizione di UPC Svizzera dal suo proprietario Liberty Global, ha ceduto il 2,63% a 77,65 franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.