Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un una mattinata altalenante la Borsa svizzera ha chiuso la giornata in territorio negativo. Il listino dei titoli guida SMI perde lo 0,27% a 6'466,18 punti, e sul mercato allargato lo SPI cede lo 0,32% a 5'975,09 punti.

In apertura di giornata il mercato elvetico aveva fatto segnare cifre negative sulla scia di Tokyo, che ha subìto le incertezze della crescita globale con l'indice Nikkei che ha terminato gli scambi in ribasso dello 0,07% a 8885,15 punti. Gli analisti hanno poi sottolineato l'incertezza della situazione, con un mercato asiatico negativo e i futures di Wall Stret positivi.

Proprio per questo andamento poco chiaro, la piazza svizzera ha prima girato in positivo, per poi tornare in negativo nel primo pomeriggio. L'apertura in calo di Wall Street, con il Dow Jones a -0,20% (13.181,66 punti) e il Nasdaq a -0,04% (3.019,23 punti), ha definitivamente affondato i titoli quotati a Zurigo.

Sulla piazza svizzera è risultato in picchiata il titolo Julius Bär (-7,42% a 32,80 franchi). La banca privata zurighese ha annunciato oggi di aver rilevato dall'americana Merrill Lynch le attività di amministrazione patrimoniale al di fuori degli Stati Uniti. Il prezzo d'acquisto potrebbe arrivare a 860 milioni di franchi: è infatti stato fissato all'1,2% dei fondi trasferiti, pari a una cifra compresa fra 57 e 72 miliardi di franchi.

Gli analisti in parte sono scettici circa la transazione e ritengono che il prezzo pattuito sia elevato. "L'acquisto delle attività internazionali di Merrill Lynch ci sembra caro, soprattutto se si tiene conto dei costi di integrazione, di ristrutturazione e del capitale supplementare necessario", ha detto alla Reuters Teresa Nielsen, analista presso la Vontobel.

Fra gli altri titoli bancari, Credit Suisse guadagna lo 0,65% a 17.16 franchi, mentre UBS perde lo 0,28% a 10,50. Non brillano gli assicurativi, con Swiss Re che chiude in perfetto pareggio (a 60,55) e Zurich Insurance che fa segnare un -0,31% a 225,70 franchi.

Nel segmento del lusso, perdono sia Swatch (-1,41% a 399,50 franchi) che Richemont (-1,39% a 60,40). Abbastanza vicini alla parità i pesi massimi difensivi, con Nestlé che guadagna lo 0,08% a 60,45, Novartis che cede lo 0,17% a 57,20 e Roche che cresce dello 0,17% a 174,70. In decisa perdita anche Adecco (-1,26% a 43,76) e Syngenta (-1,10% a 332,70).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS