Navigation

Borsa svizzera: chiusura negativa, SMI -1,04%

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2012 - 18:09
(Keystone-ATS)

La Borsa svizzera, che oggi è rimasta sempre sotto la linea di demarcazione, ha vissuto una giornata debole e improntata alla prudenza. Sui listini ha pesato la difficoltà di trovare una soluzione per il debito della Grecia, ma anche l'attesa del risultato del vertice in corso a Bruxelles sulle nuove regole di disciplina di bilancio degli Stati europei.

Al termine delle contrattazioni l'indice guida SMI ha chiuso in calo dell'1,04% a 5'970,74 punti. Quello allargato SPI ha ceduto l'1,09% a 5'404,29 punti.

Dagli Stati Uniti si è appreso che la spesa personale, indice dei consumi privati, è rimasta invariata a dicembre contro attese per un aumento dello 0,1%. I redditi sono cresciuti dello 0,5% contro un +0,4% previsto.

Oggi sono stati sotto pressione soprattutto i titoli bancari, che hanno risentito anche del contenzioso fiscale con gli Stati Uniti. UBS ha ceduto il 3,03% a 12,48 franchi, CS il 2,86% a 23,76 franchi e Julius Baer il 3,04% a 37,28. In calo anche gli assicurativi: Swiss Re ha ceduto il 2,72% a 50,10 franchi, mentre Zurich Financial si è fermato all'1,11% scendendo a 222,20 franchi.

In calo anche i titoli più legati alla congiuntura. L'ABB ha perso il 2,01% portandosi a 19,04 franchi. Il gruppo tecnologico elvetico-svedese ha annunciato l'acquisizione per 3,9 miliardi di dollari della società statunitense Thomas & Betts, uno dei principali fornitori di prodotti a bassa tensione. Holcim ha ceduto 3,96% a 53,35 franchi e Adecco l'1,16% a 43,50 franchi.

In ribasso anche i titoli del lusso (Swatch -2,64% a 384,10 franchi e Richemont -2,47% a 51,30). Solo i due pesi massimi Nestlé (+0,19% a 53,20 franchi) e Novartis (+0,04% a 49,82 franchi) hanno chiuso in attivo. Roche ha ceduto l'1,15% a 155,30 franchi.

Sul mercato allargato c'è da segnalare Valora (+3,20% a 206,60 franchi). Il gruppo con sede a Muttenz (BL) intende espandere le attività in Germania, acquisendo Convenience Concept (CC), filiale di Lekkerland. CC è la maggiore rete di chioschi tedesca, con 1300 punti di vendita.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?