Navigation

Borsa svizzera: crollo in apertura, SMI -3,83%

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 agosto 2011 - 09:51
(Keystone-ATS)

Crollo in apertura alla Borsa svizzera, come anche sulle altre piazze europee. Ieri sul finale di seduta Wall Street è precipitata, registrando una delle maggiori perdite da anni, e stamane il movimento al ribasso si è esteso alle piazze asiatiche. Dopo le prime battute l'indice SMI dei titoli guida registrava un tonfo del 3,83% a 5082,85 punti.

Alle 09.30 in mercato si è un po' ripreso, con l'SMI tornato a quota 5135,54 (-2,83%). L'indice allargato SPI segnava 4700,78 punti (-2,98%). I cali sono generalizzati e toccano come ieri soprattutto i bancari e i valori più sensibili ai cicli congiunturali.

Il Dow Jones ha terminato la seduta con un calo del 4,31% (a 11'383,68 punti) e il Nasdaq del 5,08% (a 2556,39). Pesano i timori circa l'andamento della congiuntura americana e i dubbi sulla capacità dei governi di gestire la crisi.

La Borsa di Tokyo ha chiuso la giornata con un calo del 3,72%, sui timori per la tenuta dell'economia globale e delle turbolenze finanziarie: l'indice Nikkei è crollato a quota 9299,88, mandando in fumo 359,30 punti.

A Milano il Ftse Mib in avvio segnava un calo del 3,23% a 15.607 punti, per poi peggiorare successivamente. La Borsa di Londra ha aperto in pesante ribasso con l'indice Ftse-100 che va giù del 3,05% a 5232,94 punti. La Borsa di Francoforte sbanda in avvio con l'indice Dax in pesante calo del 3,9%. A Parigi l'indice Cac 40 arretra del 3,07% a quota 3218,39.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?