Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo una partenza debole la borsa svizzera ha recuperato in mattinata terreno e da allora fatica a trovare un orientamento preciso. Alle 14.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 7819,04 punti (+0,11% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in progressione dello 0,18% a 7402,09 punti.

Gli operatori descrivono la seduta come poco movimentata, con volumi di contrattazione assai modesti, complici il periodo di vacanze e l'approssimarsi della festa nazionale svizzera. Anche la notizia di un aumento superiore del previsto del prodotto interno lordo americano nel secondo semestre ha provocato scarsi effetti.

L'attenzione degli investitori è infatti da puntata sulle ultime decisioni di politica monetaria che verranno prese da Federal Reserve, Banca centrale europea e Banca centrale inglese. La Fed informerà stasera, a piazze europee ormai chiuse, mentre gli altri due istituti terranno le loro riunioni domani, quando nulla si muoverà sul mercato elvetico a causa del primo d'agosto. Molto attesi sono inoltre gli ultimi dati sul mercato del lavoro negli Usa, che saranno diffusi venerdì.

Sul fronte interno per quanto concerne i singoli titoli hanno virato in positivo i bancari UBS (+0,88%) e Credit Suisse (+0,11%), allineandosi in tal modo ai già tonici assicurativi Swiss Re (+0,48%) e Zurich (+0,48%).

Non hanno un andamento univoco i valori maggiormente legati ai cicli economici come ABB (-0,54%), Adecco (+0,08%), Geberit (-0,04%) e Holcim (+0,38%). Nel segmento del lusso Swatch (-0,09%) rimane anemica, mentre Richemont (+0,95%) sta decisamente guadagnando terreno.

Ancora in ordine sparso si presentano i pesi massimi difensivi: Nestlé (+0,89%), che già si muoveva di buona lena in mattinata favorita anche dai trimestrali della concorrente Danone, è ora aiutata nell'opera di traino del listino anche da Novartis (+0,38%); in difficoltà rimane per contro Roche (-1,25%), penalizzata dalle voci riguardanti la possibile maxi-operazione di acquisto dell'americana Alexion.

Nel mercato allargato è stato ben accolto l'accordo con le autorità americane annunciato dalla Liechtensteinische Landesbank (+5,18%). Hanno informato sull'andamento degli affari anche Vontobel (+0,78%), Weatherford (+6,32%), APG SGA (-3,35%) e Dufry (-2,66%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS