Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Dopo un inizio anno decisamente favorevole, la Borsa svizzera ha viaggiato in territorio negativo per tutta la seduta odierna. L'indice principale dei titoli guida SMI ha chiuso le contrattazioni a quota 6579,26, in flessione dello 0,79% rispetto a ieri. Stessa evoluzione per il listino allargato SPI che ha chiuso in ribasso dello 0,52% a 5673,58 punti.
Ad influenzare i mercati nel pomeriggio è stata soprattutto la diffusione dei dati sulle promesse di acquisto di abitazioni non nuove negli Stati Uniti, che hanno segnato a novembre un crollo del 16% su base mensile. Gli analisti si attendevano un calo più modesto del 2%. Si tratta inoltre del primo ribasso dopo nove rialzi mensili consecutivi. Anche Wall Street ha reagito con una marcata diminuzione.
Oggi l'attenzione degli operatori sulla piazza elvetica era ancora puntata sui titoli Nestlé e Novartis. Il gruppo alimentare con sede a Vevey ha annunciato stamane la conclusione di un accordo con il gigante americano Kraft per l'acquisizione delle pizze surgelate negli Stati Uniti e in Canada. La transazione costerà 3,7 miliardi di dollari (3,8 miliardi di franchi). L'azione di Nestlé ha chiuso le contrattazioni in forte calo (-2,36% a 49,75 franchi).
Novartis, a sua volta, ha continuato a risentire dell'annuncio fatto ieri del rilevamento da Nestlé del 52% delle azioni del fabbricante americano di prodotti oftalmici Alcon, per un ammontare di 28,1 miliardi di dollari (29,1 miliardi di franchi). Il gigante farmaceutico basilese, che ha così portato al 77% la propria partecipazione in Alcon, ha segnato un ribasso dell'1,73% (a 54,10 franchi). In calo pure Roche - l'altro titolo difensivo di peso -, che ha perso l'1,33% (a 178,30 franchi).
Giornata ancora in territorio positivo per i titoli bancari, con UBS che è salito dello 0,85% (a 16,64 franchi) e Credit Suisse dello 0,93% (a 54,05 franchi). La seconda banca elvetica ha annunciato oggi l'estensione delle sue attività nell'investment banking in Polonia. In controtendenza, invece, Julius Baer (-1,24% a 36,60 franchi).
Andamento favorevole anche per gli assicurativi: Swiss Life ha guadagnato il 2,72% (a 139,50 franchi), Zurich Financial il 2,17% (a 235 franchi) e Swiss Re l'1,76% (a 52 franchi). Fra gli altri titoli si è messa in luce Adecco, che ha segnato un rialzo del 3,08% (a 60,30 franchi). Bene anche Swatch Group (+1,12% a 270,60 franchi). Oltre ai titoli difensivi, anche Actelion (-2,15 a 54,70 franchi), Syngenta (-0,76% a 287 franchi) e Synthes (-0,43% a 137,40) hanno viaggiato tutta la giornata sotto la linea di demarcazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS