Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - E' stata una giornata positiva quella vissuta oggi dalla Borsa svizzera. Dopo aver perso vigore nel primo pomeriggio, i listini hanno ripreso a salire con l'arrivo di dati congiunturali dagli Stati Uniti migliori delle previsioni. Sulla Borsa continua comunque a pesare l'incertezza per quanto riguarda la Grecia. Al termine delle contrattazioni l'indice guida SMI ha chiuso con un +0,88% a 6'497,66 punti e quello allargato SPI con un +0,72% a 5'592,49 punti.
L'indice manifatturiero dello stato di New York è balzato questo mese a 24,9, segnando il tasso di espansione più forte degli ultimi quattro mesi. Gli economisti si aspettavano un valore più basso a 18,0. Il saldo degli investimenti esteri in attività finanziarie a lungo termine denominate in dollari negli Usa, a dicembre è risultato positivo per 63,3 miliardi di dollari contro i 126,4 miliardi (dato rivisto) del mese precedente. Gli analisti si aspettavano un saldo positivo per 35,4 miliardi di dollari.
Oggi alla Borsa hanno primeggiato i titoli bancari. CS ha messo a segno un +3,77% a 47,64 franchi, UBS +2,86% a 14,38 franchi e Julius Baer +2,14% a 32,86 franchi. Tra i pesi massimi c'è da segnalare Nestlé che venerdì renderà noti i risultati d'esercizio. Il titolo chiude con un +0,90% a 50,60 franchi.
Oggi l'attenzione era comunque rivolta anche al mercato allargato, dopo la pubblicazione dei risultati 2009 di varie importanti imprese elvetiche.
Spicca in particolare Straumann (-5,08%) a 252,50 franchi. Il fabbricante basilese di impianti dentari ha realizzato un utile di 146,4 milioni di franchi nel 2009, contro 8,2 nell'anno precedente quando però aveva effettuato ammortamenti straordinari. Il fatturato è in calo del 5,4% (-2,1% in valute locali) a 736,4 milioni di franchi.
Givaudan scende del 3,70% a 871,50 franchi. L'anno scorso il leader mondiale nel settore dei profumi e degli aromi ha conseguito un utile netto di 199 milioni di franchi, in progressione del 79% rispetto al 2008. Il fatturato è però calato del 3,1% a 3,96 miliardi di franchi.
In rosso anche Clariant (-4,74%) a 10,85 franchi. La società chimica basilese, che ha annunciato la soppressione di 500 posti, 400 dei quali in Svizzera, ha chiuso l'esercizio 2009 con una perdita netta di 194 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS