Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera, sospinta dal buon andamento di stamane in Asia, in particolare di Tokyo, e venerdì negli USA, prosegue in territorio positivo, ma i guadagni si sono un po' ridotti nel primo pomeriggio. Alle 14.55 circa l'indice principale SMI segna 7585,42 punti, in aumento dello 0,41%. L'indice completo SPI è a quota 6976,75 (+0,43%).

Fra le altre piazze europee, in attesa sull'esito del voto italiano, si mostra cauta solo Londra, che risente gli effetti del declassamento del rating britannico da parte di Moody's. Accelerano invece Parigi, Milano e Francoforte.

A Zurigo i due giganti bancari sono in flessione, con UBS in calo dello 0,13% e Credit Suisse dello 0,11; Julius Bär, in positivo stamane, ha invertito tendenza e scende dello 0,36%. Fra gli assicurativi, in ribasso Zurich dello 0,27% e di poco sotto la linea Swiss Re (-0,07%).

Fra i valori più sensibili alle oscillazioni della congiuntura, ABB cede lo 0,19%, Geberit lo 0,49%, mentre Adecco sale dello 0,74% e Holcim segna un balzo dell'1,10%. Nel segmento del lusso i guadagni di Swatch Group, in netto rialzo stamane sulla scia di una raccomandazione di Nomura, si sono assottigliati a +0,68%. Richemont guadagna lo 0,81%.

Quanto ai pesi massimi difensivi, Nestlé cresce dello 0,31%, Novartis dello 0,55% e Roche dell'1,27%. Venerdì pomeriggio Roche ha ottenuto dalla FDA, l'autorità sanitaria degli USA, l'omologazione del farmaco oncologico T-DM1.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS