Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera, dopo l'annuncio della Banca nazionale svizzera, ha segnato un leggero calo nel pomeriggio. Attorno alle 15.00 l'indice SMI perdeva lo 0,16% a 9'039,29 punti e l'indice allargato SPI lo 0,14% a 10'321,42 punti.

La BNS, come previsto, ha mantenuto la linea della sua politica monetaria, ma ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita per l'anno in corso. I tassi di riferimento sono rimasti invariati. L'istituto di emissione ha lasciato intendere che sul fronte delle divise la situazione si è calmata: il franco si situa a un "livello elevato" e la "netta sopravvalutazione" si è ridotta "di un certa misura". L'annuncio della BNS, anticipata dal mercato, non ha suscitato grandi reazioni, né sul fronte dei cambi, né sulla piazza borsistica.

Anche la Banca d'Inghilterra mantiene i tassi fermi allo 0,25% e gli acquisti di titoli invariati a 435 miliardi di sterline. Ha pure deciso di correggere al ribasso le stime sulla crescita economica della Gran Bretagna, a 1,7% quest'anno (da 1,9%) e 1,6% il prossimo (da 1,7%).

L'attenzione è diretta sugli assicuratori. Swiss Life ha perso l'1,69 % dopo essere stata contattata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) in relazione alle sue attività transfrontaliere con clienti americani.

Swiss Re è scesa dello 0,46% dopo un avvertimento sui risultati di Munich Re. Il riassicuratore tedesco ha annunciato che rischia di non raggiungere gli obbiettivi per quanto riguarda l'utile quest'anno a causa delle perdite causate dagli uragano Harvey e Irma.

Adecco segna un +1,24% dopo l'annuncio dell'acquisizione dell'americana BioBridge specializzata nella gestione delle carriere di persone qualificate nel settore biotecnologico, farmaceutico e della strumentazione medica.

I gruppi orologieri Richemont e Swatch continuano in negativo come ieri: il primo ha perso il 2,22%% e il secondo l'1,31 %.

I bancari sono in positivo: Julius Bär guadagna lo 0,87%, Credit Suisse lo 0,80% mentre UBS lo 0,06%.

Fra i pesi massimi, Novartis con un calo dello 0,42% e Nestlé dello 0,12% trascinano il listino al ribasso assieme a Richmont. Roche invece guadagna lo 0,29%.

Sul mercato allargato Kudelski, selezionata dalla federazione tedesca di calcio per lottare contro la pirateria in internet, segna solo un +0,08%,

BFW Liegenschaften guadagna lo 0,57%. Nel primo semestre 2017 ha registrato un utile di 5,9 milioni di franchi, contro una perdita di 2,6 milioni l'anno prima. Anche Newron è tornata in positivo nel primo semestre e guadagna lo 0,54%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS