Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera scivola sempre più in rosso - al pari delle altre piazze europee, ma in maniera meno marcata - in seguito ai timori legati alla Grecia e alla Spagna. Alle 15.20 circa l'SMI cede l'1,61% a 6'183.49 punti, l'SPI l'1,71% a 5'724.36 punti.

Quattordici delle venti blue chip elvetiche lasciano sul terreno oltre due punti percentuali. I peggiori sono Syngenta (-3,56%), Geberit (-3,26%), Holcim (-3,09%), Actelion (-3,07%). Arretrano pesantemente anche le due grandi banche, con Credit Suisse che perde il 2,97% e UBS il 2,69%, scendendo quest'ultima sotto la soglia dei 10 franchi per la prima volta da dicembre, e gli assicurativi, con Swiss Re in flessione del 2,93% e Zurich Insurance del 2,29%. Per contro Julius Bär, che ha presentato oggi risultati semestrali superiori alle attese e annunciato una cooperazione strategica con la Bank of China, sale dell'1,41%.

Sotto pressione anche Roche (-2,16%), mentre gli altri due pesi massimi difensivi - Nestlé e Novartis - scendono rispettivamente dello 0,76% e dello 0,62%. Sul mercato allargato da segnalare che Sulzer cede il 3,95% dopo che la Banca cantonale di Zurigo ha abbassato la sua raccomandazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS