Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli indici della Borsa svizzera hanno ulteriormente ridotto le perdite e si muovono ormai poco al di sotto della parità. Alle 15.20 l'SMI cede lo 0,13% a 7'928.91 punti, l'SPI lo 0,21% a 7'508.34 punti.

Tra le blue chip sempre sotto pressione i bancari, con UBS che lascia sul terreno il 2,28%, Credit Suisse il 2,11% e Julius Bär il 2,43%. Pesante pure Holcim (-2,07%), già in forte calo ieri dopo che UBS e Deutsche Bank hanno peggiorato la valutazione sul titolo delgigante del cemento.

Perdono oltre un punto percentuale anche Transocean (-1,34%) - nonostante da metà luglio il gestore di piattaforme petrolifere abbia accresciuto di 2,5 miliardi di dollari le proprie commesse con contratti nuovi o prolungati -, Richemont (-1,34%), Givaudan (-1,29%), ABB (-1,11%) e Geberit (-1,02%). In controtendenza solo i pesi massimi difensivi: Novartis guadagna l'1,62%, Roche lo 0,55% e Nestlé lo 0,08%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS