Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue negativa alla borsa svizzera, che soffre soprattutto per la debolezza di Roche: alle 11.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 8974,87 punti, giù dello 0,76% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,70% a 10'218,37 punti.

I fattori di incertezza oggi non mancano: gli investitori guardano con preoccupazione alle tensioni nella penisola arabica e si interrogano circa le conseguenze dell'attentato a Londra di sabato sera. Le apprensioni al riguardo hanno portato ieri i mercati di Londra, Parigi e Milano a terminare in ribasso, mentre Zurigo era chiusa per festività.

Gli occhi sono inoltre puntati sulla riunione della Banca centrale europea giovedì e sulle imminenti elezioni parlamentari in Gran Bretagna e in Francia. Sullo sfondo rimangono inoltre gli interrogativi relativi agli sviluppi negli Usa dopo la prevista audizione dell'ex capo dell'FBI James Comey.

Sul listino elvetico pesa soprattutto Roche (-4,23%), che reagisce negativamente a uno studio sull'efficacia di Perjeta, un farmaco per il cancro al seno. Arretra anche Novartis (-0,13%), mentre si smarca il terzo peso massimo difensivo, Nestlé (+0,36%), che si conferma tonico come nelle scorse sedute.

Male orientati sono i valori più sensibili ai cicli economici come Adecco (-0,75%), Geberit (-0,29%), ABB (-0,68%) - che la settimana scorsa aveva offerto la migliore performance - e LafargeHolcim (-0,86%). Nel segmento del lusso Swatch (-0,97%) si muove sulla stessa lunghezza d'onda di Richemont (-1,10%).

Perdite più limitate vengono mostrate dai bancari UBS (-0,32%), Credit Suisse (-0,52%) e Julius Bär (-0,26%). In ordine sparso si presentano gli assicurativi Zurich (-0,04%), Swiss Life (-0,46%) e Swiss Re (+0,11%).

Nel mercato allargato tonfo di Burckhardt Compression (-10,70%), che ha annunciato un calo di utile e ordinativi nel 2016/2017, mostrandosi anche prudente riguardo al futuro. SFS Group (+1,60%) approfitta di una raccomandazione di UBS, mentre Meyer Burger (+3,39%) beneficia di una segnalazione di Vontobel.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS