Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un avvio incerto, gli indici della Borsa svizzera si sono mantenuti sotto la parità. Alle 11.15 l'SMI cede lo 0,19% a 8'960.35 punti, l'SPI lo 0,16% a 8'868.20 punti.

Tra le blue chip in evidenza Transocean (+6,83%) dopo la pubblicazione dei conti annuali. L'operatore americano di piattaforme petrolifere, che ha sede a Zugo, ha chiuso l'esercizio 2014 con una perdita netta di 1,9 miliardi di dollari (1,8 miliardi di franchi), contro un utile di 1,4 miliardi nel 2013. Senza tener conto di ammortamenti e altre rettifiche di valore il risultato è però in linea con le attese.

Contrastati i bancari, con UBS in rialzo dello 0,24% mentre Credit Suisse perde lo 0,25% e Julius Bär lo 0,18%, così come i ciclici, dove ABB guadagna lo 0,30%, Adecco lo 0,20%, mentre Geberit scende dello 0,21% e Holcim dello 0,54%.

Tutti negativi i pesi massimi difensivi: Nestlé cede lo 0,27%, Novartis lo 0,46% e Roche lo 0,16%. In calo anche il lusso (Swatch -0,30%, Richemont -0,18%) e il comparto assicurativo (Zurich -0,39%, Swiss Re -0,06%).

Nel listino allargato, tra le aziende che hanno pubblicato le cifre relative all'esercizio 2014, Cembra sale del 2,98%, Leonteq dello 0,75% e DKSH dello 0,06% mentre Micronas cede lo 0,35%, Orior l'1,22% e Allreal l'1,37%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS