Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata negativa per la Borsa svizzera in scia alla crisi della Libia e alle relative ripercussioni sul petrolio, alla crisi del debito nella zona euro - oggi Moody's ha deciso di abbassare il rating della Spagna - e il deficit commerciale registrato in febbraio dalla Cina. Alle 11.20 l'SMI cede lo 0,35% a 6'424.20 punti, l'SPI lo 0,39% a 5'833.05 punti.

Sul listino principale sono in forte calo Swiss Re (-2,10%) e Adecco (-2,05%), nonché UBS (-1,30%) e Zurich Financial Services (-1,02%). Credit Suisse perde lo 0,80% mentre Julius Bär guadagna lo 0,65%. Positivi anche Nestlé (+0,39%) e Roche (+0,38%), mentre il terzo titolo difensivo massimo, Novartis, è in flessione dello 0,10%.

Nell'indice allargato da segnalare, tra le società che hanno pubblicato oggi i risultati annuali, che Geberit perde il 3,78%, Tecan il 3,6%, Implenia l'1,7%, Siegfried l'1,20% e Cicor l'1,18%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS