Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera: mattinata in lieve calo

La mattinata prosegue in lieve calo alla borsa svizzera: alle 11.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 9077,73 punti, in flessione dello 0,30% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,27% a 9227,98 punti.

Sul mercato domina l'incertezza, dovuta all'odissea che non sembra aver fine riguardo alla Grecia e ai tempi di rialzo dei tassi negli Usa. Anche gli impulsi provenienti dall'Asia non sono chiari: l'economia giapponese è cresciuta nel primo trimestre più del previsto, ma il commercio estero cinese è sceso in maggio.

Alla luce di queste incognite gli operatori non escludono repentini cambiamenti di corso. L'indice di volatilità elvetico VSMI è aumentato oggi del 4%, dopo essere cresciuto del 10% già venerdì.

Per quanto riguarda i singoli titoli si sta mettendo in luce Actelion (+8,26%), dopo che un domenicale britannico ha riferito di un'offerta da parte di Shire. Syngenta (-0,68%) continua nel frattempo a respingere le avances di Monsanto, giudicando troppo basso il prezzo proposto.

Vendite stanno interessando anche i titoli maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,93%), Adecco (-0,40%), Geberit (-0,15%) e Holcim (-0,84%). Nel comparto bancario Credit Suisse (+0,27%) continua come nelle scorse sedute a mostrarsi più tonica di UBS (-0,15%). Bene orientato è il segmento assicurativo, con Swiss Re a +0,12% e Zurich a +0,58%. Non aiutano il listino i valori difensivi Nestlé (-0,50%), Novartis (-0,26%) e Roche (-0,52%).

Nel mercato allargato in evidenza Dufry (+4,77%), senza che riguardo alla società vi siano notizie particolari.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.