Dopo un avvio sostanzialmente incerto la borsa svizzera ha guadagnato terreno e si è orientata a un lieve rialzo: alle 11.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 8804,72 punti (+0,32% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,34% a 8671,29 punti.

Il mercato ha preso atto di alcuni dati congiunturali europei, rimanendo però dominato dalla cautela, alla luce delle crisi politiche a Hong Kong, in Medio Oriente e in Ucraina. Nuovi impulsi giungeranno nel pomeriggio dagli Stati Uniti.

Sul fronte interno si presentano in ordine sparso i bancari UBS (-0,24%), Credit Suisse (+0,88%) e Julius Bär (+0,28%), come pure gli assicurativi Swiss Re (+0,07%) e Zurich (invariata).

Positivi appaiono i valori maggiormente sensibili ai cicli economici come ABB (+0,05%), Adecco (+0,23%), Geberit (+0,39%) e Holcim (+0,36%). Nel segmento del lusso dopo le perdite di ieri rimbalza Swatch (+0,51%), ma non Richemont (-0,32%).

I pesi massimi difensivi Nestlé (+0,57%) e Novartis (+0,79%) svolgono un'importante funzione di traino, mentre si defila Roche (-0,04%).

Nel mercato allargato balzo di Addex (+11,82%), che nel primo semestre ha diminuito le perdite. In evidenza anche Leonteq (+5,60%), grazie a una raccomandazione di Credit Suisse.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.