Navigation

Borsa svizzera: mattinata in rialzo

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2011 - 11:46
(Keystone-ATS)

Mattinata positiva per la Borsa svizzera, spinta dall'evoluzione favorevole delle piazze asiatiche e dalla ripresa parziale di Wall Street ieri sera. Alle 11.30 circa il listino principale SMI segna 6493,11 punti, in crescita dello 0,43%. L'indice allargato SPI è a quota 5917,37 (pure +0,43%).

Le piazze sono in ripresa dopo le preoccupazioni per la nuova scossa di terremoto registrata ieri in Giappone, che di fatto non ha avuto gli effetti temuti, in particolare sulla centrale di Fukushima. Inoltre con il rialzo del tasso di riferimento da parte del Banca centrale europea e con la richiesta di aiuti del Portogallo all'Unione europea sono venuti mento due fattori d'incertezza, hanno commentato gli operatori. Ora l'attenzione inizia a rivolgersi alle cifre del primo trimestre 2011. Lunedì aprirà la stagione negli USA il gigante dell'alluminio Alcoa.

Le prime società elvetiche a pubblicare il bilancio trimestrale sono state Givaudan ed Ems-Chemie, che hanno diffuso stamane i propri dati. Il produttore ginevrino di aromi e profumi ha realizzato tra gennaio e marzo un giro d'affari di 1,012 miliardi di franchi, in calo del 5,1% rispetto allo stesso periodo di un anno prima a causa del rafforzamento del franco. In valute locali, v'è stata invece una progressione del 3,1%. Dopo prime perdite iniziali, il titolo sale dello 0,54%.

Il gruppo industriale EMS-Chemie, specializzato nella produzione di materiali chimici complessi, ha realizzato nel primo trimestre un fatturato di 438 milioni di franchi, l'8,4% in più dello stesso periodo del 2010 (+18% in valute locali). L'azione guadagna il 2%.

Fra i titoli difensivi di peso, Nestlé sale dello 0,47%, Novartis dello 0,49% e Roche dello 0,37%. Fra i titoli più sensibili ai cicli congiunturali, ABB guadagna lo 0,99%, Adecco perde lo 0,58% e Holcim avanza dell'1,19%.

I due giganti bancari, in progressione ieri, oggi sono più deboli: UBS è in flessione dello 0,29%, Credit Suisse dello 0,54%. La Julius Bär è invece in crescita dello 0,59%. Quanto agli assicurativi, Swiss Re avanza dell'1,60%, Zurich Financial dello 0,36%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?