Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue in rialzo alla borsa svizzera: alle 11.35 l'indice dei valori guida SMI segnava 7915,45 punti, in progressione dello 0,79% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,68% a 8402,34 punti.

Gli attentati di Bruxelles non sembrano rappresentare più un tema di discussone. "È triste ma vero: dobbiamo convivere con questi eventi", ha affermato un operatore. Nel prosieguo di giornata sono attesi alcuni dati macroeconomici americani: ma con l'approssimarsi del lungo fine settimana pasquale la propensione al rischio degli investitori dovrebbe risultare assai limitata.

Sul fronte interno gli occhi sono puntati su Credit Suisse (+2,37%): il mercato prende atto con favore degli ulteriori risparmi annunciati, con il taglio di 2000 posti supplementari. Gli altri due bancari, UBS (-0,92%) e Julius Bär (+0,50%), non hanno un andamento unitario.

Bene orientati sono i valori particolarmente sensibili ai cicli economici come ABB (+0,43%), Geberit (+0,45%), Adecco (+1,14%) e LafargeHolcim (+2,56%). Sostengono con forza il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (+1,27%), Novartis (+1,04%) e Roche (+0,51%).

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Metall Zug (+1,64%) e Crealogix (+1,22%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS