Navigation

Borsa svizzera: mattinata in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 agosto 2011 - 11:43
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera rimane orientata al ribasso: alle 11.40 l'indice dei valori guida SMI segnava 5294,01 punti (-0,58% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in flessione dell'1,09% a 4817,33 punti.

Dopo tre sedute di recupero - seguite a una fase di forte arretramento - un momento di pausa era atteso. Tutte le piazze europee soffrono inoltre i dati sull'andamento del prodotto interno lordo dei paesi UE nel secondo trimestre: a preoccupare è soprattutto la stagnazione (+0,1%) della Germania. Questo ha messo sotto pressione di nuovo l'euro, che ha interrotto la sua fase di recupero nei confronti del franco dopo il crollo delle scorse settimane. L'evoluzione della giornata sarà ora probabilmente influenzata dal vertice franco-tedesco sulla crisi.

Sul fronte interno negativi sono in bancari UBS (-2,28%), Credit Suisse (-0,63%) e Julius Bär (-1,69%), come pure gli assicurativi Swiss Re (-0,45%) e Zurich (-2,48%). In netto calo sono i valori orientati all'esportazione come ABB (-2,21%), Swatch (-2,26%) e Richemont (-2,50%). Unico titolo in positivo è Nestlé (+0,45%), che si muove meglio dei due altri difensivi Novartis (-0,30%) e Roche (-0,39%).

Nel mercato allargato una lunga serie di aziende ha informato sui sui risultati semestrali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.