Navigation

Borsa svizzera: mattinata in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 novembre 2019 - 11:36
(Keystone-ATS)

La mattinata prosegue in ribasso alla borsa svizzera: alle 11.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 10'332,64 punti, in flessione dello 0,32% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,26% a 12'478,09 punti.

Stando a un operatore un certo rallentamento era atteso, considerato che diversi listini - fra cui quello elvetico - sono saliti a livelli record negli ultimi giorni. Inoltre sembra allontanarsi la prospettiva di rapidi progressi nel braccio di ferro commerciale fra Stati Uniti e Cina, dopo che il presidente americano Donald Trump è tornato a minacciare dazi e con il senato del suo paese che ha visto chiedere che siano garantiti i diritti umani a Hong Kong.

Per quanto riguarda i singoli titoli male orientati sono in particolare i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (-0,88%), Adecco (-1,17%), LafargeHolcim (-0,70%) e Sika (-0,84%). Nel segmento del lusso Swatch (-1,01%) affonda ancora più di Richemont (-0,61%).

Perdite vengono mostrate pure dai bancari UBS (-0,92%) e Credit Suisse (-1,12%), nonché dagli assicurativi Zurich (-0,92%), Swiss Life (-0,85%) e Swiss Re (-1,27%). Alcon, che ha informato sull'andamento degli affari, cede il 2,35%. Si oppongono invece al movimento al ribasso i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,06%), Novartis (+0,28%) e Roche (+0,46%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.