Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata in territorio positivo oggi per la Borsa svizzera. Verso le 11:05 l'indice dei titoli guida SMI guadagnava lo 0,50% a 8'702,52 punti, quello allargato SPI lo 0,40% a 8'600,24.

Dopo un buon avvio, il mercato elvetico ha continuato a rimanere positivo nonostante un indice PMI al di sotto delle aspettative. Quest'ultimo in agosto è infatti sceso a 52,9 punti, 1,4 in meno rispetto al mese precedente. Si tratta del primo arretramento da aprile. Gli analisti interrogati dall'agenzia Awp scommettevano su valori compresi fra 53,0 e 54,1 punti.

Nemmeno i dati provenienti dall'Unione europea hanno scosso la Borsa svizzera. In Italia l'attività manifatturiera è tornata a contrarsi, con l'indice PMI di agosto sceso a 49,8 punti da 51,9 di luglio. Le attese erano di un calo più contenuto a 51 punti. Anche in Germania il calo è più marcato del previsto: a 51,4 punti da 52 contro stime per un dato fermo. Più in generale nell'eurozona, l'indice è sceso a a 50,7 punti da 50,8 contro attese per un dato invariato.

Fra i titoli, a fare da traino è in particolare Novartis, che fa segnare una robusta crescita del 3,40% grazie alla pubblicazione di risultati positivi concernenti un nuovo farmaco per il cuore: gli investitori vedono potenziali vendite nell'ordine di miliardi. Segue Swatch con un +1,25% e Nestlè con un +0,14%. Piuttosto male invece UBS (-0,91%), Holcim (-0,89%) e Credit Suisse (-0,70%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS