Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le piazze finanziarie europee continuano stamani ad essere prudenti. Sui listini pesa l'incertezza della situazione in Iraq e in Ucraina. Da rilevare che nel primo pomeriggio è atteso il dato del pil USA. Poco dopo le 11:20, alla Borsa svizzera l'indice guida SMI cede lo 0,63% a 8'619,05 punti e quello allargato SPI lo 0,60% a 8'515,97 punti.

Quasi tutti i 20 principali titoli svizzeri sono in calo. Tra le eccezioni vi è da segnalare la ripresa di UBS (+0,95%), mentre CS perde lo 0,57% e Julius Bär lo 0,56%. Tra i titoli più in discesa vi sono Transocean (-2,43%), Actelion (-1,92%), Givaudan (-1,01) e Holcim (-1,09%).

Sul fronte positivo vi è Swatch che mette a segno comunque un debole +0,09%, mentre Richemont cede lo 0,05%. A spingere al ribasso il listino principale sono soprattutto i pesi massimi difensivi (Nestlé -0,79%, Novartis -0,74% e Roche -0,60%).

ABB scende a sua volta dello 0,87%, Adecco dello 0,27% e Geberit dello 0,67%. La perdita dei titoli assicurativi è contenuto (Zurich -0,23% e Swiss Re -0,25%).

SDA-ATS